Irpinia, schiuma nel fiume e cataste di rifiuti abbandonate

Irpinia, schiuma nel fiume e cataste di rifiuti abbandonate

8 Settembre 2021

di AnFan – Una catena infinita di denunce. Un unico bersaglio: l’inquinamento dei fiumi che non si ferma in Irpinia. L’ultimo appello, dalla provincia di Avellino, arriva dal comune di Prata Principato Ultra. Le campagne a ridosso del fiume Sabato, sono diventate un percorso che si snoda fra cumuli di rifiuti: computer, pezzi di mobili, cataste di plastica. Non va meglio al fiume, dove si sono registrati nuovi “avvistamenti” di schiuma bianca e maleodorante.

Il Comune, che pure ha impegnato la municipale in un’opera di controllo, si trova spesso costretto a dover alzare bandiera bianca. Troppo vasta la zona da sorvegliare, troppi gli incivili autori degli sversamenti, troppo poco il supporto ricevuto dalle altre istituzioni. Da più parti si invoca la creazione di un piano che metta insieme tutti gli attori coinvolti, a partire dai comuni.

Su Irpinianews, proprio nelle scorse settimane, vi avevamo parlato dell’opera meritevole portata avanti dal comitato ambientalista, “Salviamo la Valle del Sabato”. Le foto che abbiamo pubblicato, meglio di mille parole, raccontano quello che i fiumi e la natura irpina debbono subire per mano degli incivili.