Altavilla Irpina – Arrestato il narcotrafficante pluripregiudicato Americo Marrone

0
3919

Ilenia Gubitosa – Un cumulo di pene notevole relativo al traffico di droga e per concludere la violazione dei domiciliari a cui era sottoposto. Così i carabinieri di Avellino hanno arrestato il pluripregiudicato Americo Marrone. Si tratta di un importante narcotrafficante che da anni prende parte al giro consolidato di stupefacenti presente ad Altavilla Irpina, come è emerso anche in una nostra recente inchiesta.

Con l’arresto di Marrone il giro della droga di Altavilla certamente subisce un duro colpo, che si spera andrà ad indebolire in parte l’organizzazione che gestisce i grandi traffici di stupefacenti, in particolare cocaina, nel piccolo paesino irpino. Ma chi è Americo Marrone? Come già anticipato si tratta di un importantissimo narcotrafficante con svariati precedenti in merito allo spaccio e al traffico di droga in Irpinia e non solo.

Già nel 2013 l’arresto insieme a Roberto Marino, entrambi considerati importanti narcotrafficanti dagli uomini della Squadra Mobile della Questura di Avellino. Le manette sono scattate dopo appostamenti notturni in zone impervie di Altavilla Irpina e dopo giorni di intercettazioni e investigazioni. I due tenevano nascosti sette chili di hashish in un casolare abbandonato tra le boscaglie. I lori affari si svolgevano tra il Sannio e l’Irpinia ma anche fuori regione e non sono esclusi probabili collegamenti tra i due e le organizzazioni malavitose che operano nel Sannio e in Calabria. Oltre ai reati di spaccio e detenzione di droga, dalle intercettazioni ambientali, sarebbe emersa anche una consistente attività illecita finalizzata a commettere reati di usura in danno di imprenditori irpini.

Nel 2017 un nuovo arresto sempre per possesso illegale di stupefacente ai fini di spaccio. Il 40enne, questa volta, è stato intercettato dai Carabinieri a Ceppaloni, lungo la strada provinciale Fondovalle Sabato. Inseguito e poi bloccato, nella sua auto nascondeva 5 involucri ricoperti da nastro per imballaggio, del peso di 1kg l’uno, al cui interno risultava sostanza stupefacente tipo hashish e 4 involucri in plastica trasparente, sottovuoto, per complessivi grammi 500, al cui interno risultava sostanza stupefacente tipo marijuana.

Nel 2021 invece dopo aver acquistato una partita di tre chili di cocaina è stato tratto in arresto dagli agenti della Squadra Mobile di Grosseto e di Avellino, mentre si trovava nella sua abitazione dove era già sottoposto ai domiciliari. Lo droga sarebbe stata acquistata direttamente in Colombia da Edikson Bernard Genao, un dominicano di 30 anni, da Giuseppe Apice, 38 anni di Napoli, e Ciro Miraglia, 34 anni anche lui partenopeo.

Un’inchiesta, quest’ultima, avviata dopo una sparatoria avvenuta nel 2019 a Grosseto. Ci furono un morto e un ferito, il presunto omicida fu proprio il dominicano Bernard Genao, che avrebbe fatto fuoco a causa della cessione di una grossa partita di cocaina finita male. Da lì gli inquirenti di Grosseto sono riusciti a ricostruire il traffico di stupefacenti che guidava Genao che aveva dunque diramazioni anche in Campania e ad Avellino. Tre chili erano stati ceduti a Marrone che ha poi provveduto a distribuirli nelle principali piazze di spaccio irpine.

LEGGI ANCHE