Volturara Irpina, tutto pronto per la festa del fagiolo quarantino

0
3373

E’ uno dei prodotti d’eccellenza dell’Irpinia, presidio Slow Food e tra le produzioni maggiormente rappresentative dell’altissima qualità del territorio: è il fagiolo quarantino della Valle del Dragone, protagonista di un atteso evento che riprende dopo la pausa dettata dall’emergenza Covid-19.

Domani (venerdì 14 ottobre), sabato 15 e domenica 16 ottobre si terrà a Volturara Irpina (Avellino) la decima edizione della Festa del Fagiolo Quarantino della Valle del Dragone, promossa dal Comune di Volturara Irpina nell’ambito del POC Campania 2014-2020 che vede insieme, oltre al Comune di Volturara Irpina, anche i comuni di San Valentino Torio, Trevico, Cicerale e Paduli, in collaborazione con Slow Food Avellino, Pro loco di Volturara Irpina e Associazione Fagiolo Quarantino della Valle del Dragone.

Siamo giunti, dunque, alla decima edizione della kermesse che fu ideata nel 2010 dall’allora amministrazione comunale guidata dal sindaco Marino Sarno che, appena eletto, decise, insieme alla sua squadra, di valorizzare i prodotti tipici del territorio. La festa andò in scena l’anno successivo, nel 2011, e fu subito un successo.

Una kermesse tutta in onore di questo fagiolo bianco, tenero e leggermente farinoso, che si coltiva nei terreni dell’altopiano irpino, ai piedi del monte Terminio. Detto anche quarantino per la durata del suo ciclo di maturazione, il fagiolo di Volturara Irpina è piccolo, irregolare e ha una buccia sottile di color bianco cenere. Si coltiva senza pali o altri sostegni; in passato, spesso, era associato al mais: la pianta del granoturco fungeva da supporto per quella del fagiolo.

Nel 2018, questa prelibatezza tutta irpina è diventata un presidio “Slow Food” e, quindi, rientra nelle comunità che lavorano ogni giorno per salvare dall’estinzione razze autoctone, varietà di ortaggi e di frutta, pani, formaggi, salumi, dolci tradizionali ma anche per tramandare tecniche di produzione e mestieri. Tutti obiettivi perseguiti dall’associazione del fagiolo quarantino di Volturara Irpina. Si è messo così in moto un meccanismo virtuoso e di sviluppo che ha portato alla nascita di numerose aziende che producono e lavorano il fagiolo quarantino. Oggi, ormai, il legume irpino è conosciuto in tutta Italia.