VIDEO/Ato Rifiuti, bocciata la grosse koalition irpina. Ecco i dati dello spoglio

0
5
spoglio-ato-rifiuti-avellino-video

E’ stato effettuato stamane presso il seggio speciale dell’aula consiliare di Avellino lo spoglio del voto per l’assemblea dell’Ato Rifiuti dell’ambito irpino.

Come noto, in campo vi era una sola lista, quella frutto dell’accordo tra i partiti maggiori della provincia di Avellino (Pd, UdC, Forza Italia e Scelta Civica) i cui 12 candidati consiglieri risultano oggi i neo eletti del nuovo ambito che dovrà sovrintendere alla gestione e al ciclo dei rifiuti in Irpinia.

I RISULTATI – Per il Pd risultano eletti il consigliere comunale di Avellino Giuseppe Giacobbe, il vicesindaco di Montemiletto Ermando Zoina ed i sindaci di Montefredane, Valentino Tropeano, Teora, Stefano Farina, e Villamaina, Stefania Di Cicilia.

Per l’UdC i sindaci di Monteforte Irpino, Costantino Giordano, Capriglia, Nunziante Picariello, e Sperone, Marco Santo Alaia.

Per Forza Italia il sindaco di Savignano Irpino, Fabio Della Marra, e Giovanni D’Ercole (in quota Primavera Irpinia). Infine, per Scelta Civica risultano eletti l’assessore comunale di Forino Luigi Lanzetta e il vice sindaco di Taurano Michele Buonfiglio.

I DATI SULL’AFFLUENZA – Dei 112 sindaci aventi diritto al voto (113 sono i comuni irpini afferenti all’ambito mentre il Comune di Fontanarosa è commissariato, ndr) circa 70 fasce tricolori (pari al 62% dei sindaci totali) si sono recate alle urne, rappresentanti il 76% del territorio.

Il dato più interessante arriva però dall’espressione di voto delle fasce tricolori irpine.

Nessuna scheda bianca o voto nulla per la fascia A (comprendente solo il Comune capoluogo); nella seconda fascia B (che comprende comuni tra i 5 mila e i 30 mila abitanti) sono ben 9 le schede nulle mentre per la fascia C (quelli con popolazione inferiore fino a 5 mila) troviamo addirittura 14 schede nulle e 6 bianche.

Tradotto in soldoni, a votare per la lista unica è stato circa un un terzo dei sindaci afferenti All’Ato irpino; i restanti due terzi invece hanno preferito esprimere alcuna preferenza per la grosse koalition in salsa irpina.

COSA ACCADRA’ – L’elezione del presidente dell’Ente d’ambito dovrà essere ufficializzata dal vice presidente regionale con delega all’ambiente, Fulvio Bonavitacola.

All’insediamento dell’assemblea, i dodici consiglieri saranno chiamati all’elezione del presidente (in pole il sindaco di Montefredane Valentino Tropeano, ndr) che dovrà avere il 50% + 1 dei voti.

Sul punto, il vice sindaco di Montemiletto e neo eletto consigliere dell’Ato, Ermando Zoina (guarda il video dell’intervista), ha così commentato: “Oggi la Giunta regionale ha voluto ridare forza ai sindaci nella gestione del ciclo dei rifiuti.

Noi siamo convinti che l’assemblea dei sindaci saprà farsi sentire su una tematica vitale per il territorio. Il partito democratico ha espresso qualità nell’individuare diversi sindaci che sappiano rappresentare le esigenze dei comuni rappresentati. Valentino Tropeano è un ottimo amministratore. Poi, eletto da poco, potrebbe accompagnare tutto questo percorso dell’Ente d’ambito fino alla fine del suo mandato”.