VIDEO/ A Pianodardine il sit-in dei “Figli della Denso”: “Aperture dall’azienda, ma chiediamo di più”

0
1574

A Pianodardine il sit-in dei “Figli della Denso”. Si definiscono così gli undici operai scesi in strada dinanzi i cancelli dell’azienda per chiedere il reintegro dopo anni di sacrifici. Si tratta di 11 dipendenti che hanno lavorato con contratto a tempo indeterminato per un’agenzia di somministrazione, poi a causa della crisi la Denso ha sciolto il contratto.

Al presidio hanno partecipato i segretari provinciali di Fiom Giuseppe Morsa, Uilm Gaetano Altieri e UglM Ettore Iacovacci. Hanno provato a essere ricevuti dalla proprietà che, tuttavia, ha accettato un confronto solo con le Rsu dello stabilimento. “Le aperture ci sono state – assicurano Andrea Coluccino della Uilm e Maurizio Spiniello della Fim -. L’azienda si è detta aperta a ricevere una delegazione dei lavoratori per poter discutere direttamente con loro”.

La Denso ha dato disponibilità a stabilizzare gli ex lavori interinali nei prossimi tre anni. Un impegno che tuttavia non ha soddisfatto i dipendenti in protesta, tra loro Sergio Trezza, Patrizio Picariello e Lina Laddaga, quest’ultima incinta al settimo mese di gravidanza. I lavoratori chiedono numeri certi e garanzie arrivando a investire della questione direttamente il Prefetto Paola Spena.