Verso il congresso del Partito democratico – Il grido di rabbia del circolo di Scampitella: “Ci hanno fatto trovare tessere di 90enni e nemici storici. Chiudiamo”

0
1298

Michele De Leo – Una presa di posizione forte contro le modalità e, soprattutto, le risultanze del tesseramento del Partito Democratico in vista del congresso provinciale arriva dal circolo di Scampitella e dal suo segretario Eupliandrea Lavanga. “Noi ci siamo iscritti regolarmente – evidenzia – perché crediamo negli ideali del Partito Democratico ma non in quelli della direzione provinciale”. Il motivo di questa presa di posizione è da ricercarsi “nei modi e tempi di iscrizione al partito, attraverso i quali il comitato provinciale ha dato la facoltà a tutti di approdare nel Pd attraverso una stucchevole ed inappropriata campagna acquisti, solo per accaparrarsi tessere in vista del congresso provinciale”. Accuse che poggiano le basi sulla verifica degli iscritti al circolo di Scampitella del partito. “Ci siamo trovati iscritti a questo circolo – aggiunge il segretario Lavanga – gente che non ha mai fatto parte del Partito democratico, che ha sempre combattuto contro questo partito, che nulla ha a che fare con le nostre ideologie”. Il grido di protesta che arriva dal piccolo centro della Baronia è molto forte: “non ci stiamo. Abbiamo un’altra idea di partito rispetto all’opportunità di tesserare noventanni, destroidi e opportunisti solo per beceri motivi, perché reclutati da qualche esponente politico senza dignità”. Quindi, la decisione più amara. “Mi dimetto da segretario – chiosa Lavanga – e comunico la chiusura del circolo di Scampitella”.