VD/Prepensionamento Isochimica, Parlamentari: “Damiano renda conto”

0
1

Confronto a Palazzo di Città tra gli ex operai Isochimica e i parlamentari irpini.
Questa mattina il sindaco Paolo Foti ha convocato i lavoratori della fabbrica dei veleni per puntare i riflettori sulla proposta di prepensionamento rivendicata a gran voce da quest’ultimi. Una richiesta che tuttavia non ha riscontrato l’esito auspicato.
“Ci siamo incontrati l’ultima volta nove mesi fa – dice Carlo Sessa, ex operaio Isochimica, ma per quanto riguarda il prepensionamento non si è mosso nulla. Siamo stati in Commissione Lavoro, tutti ci hanno promesso di darci una mano ma poi dobbiamo sentirci dire che c’è un problema di copertura. Questa parola noi non la vogliamo sentire, siamo arrivati all’esasperazione”.
In realtà come spiega l’on. Valentina Paris non si tratterebbe di un problema di copertura, piuttosto l’intenzione della deputazione irpina era quella di allargare una proposta a tutti gli operai che erano stati a contatto con l’amianto. “Voglio utilizzare con voi un linguaggio verità – esordisce la parlamentare – perché sino ad oggi sono state dette cose verosimili, il problema Isochimica non si risolve se resta un fatto di Avellino per questo abbiamo pensato di farne una vertenza nazionale allargata per riportare poi l’attenzione sulla nostra provincia e produrre il prepensionamento per i lavoratori dell’Isochimica. Noi abbiamo preso una strada legislativa, perchè la situazione dei lavoratori non può essere trattata in maniera omogenea, dobbiamo quindi rimodulare tutte le penalizzazione che la Fornero ha prodotto per il pensionamento”.
Sulla proposta di legge su cui si è soffermata Paris è tornato Giuseppe De Mita, che tra l’altro ne è primo firmatario: “Abbiamo presentato come deputati irpini il disegno di legge per il riconoscimento del trattamento pensionistico per i lavoratori esposti all’amianto dopo esserci liberati dall’illusione di poter risolvere il problema con un provvedimento amministrativo e cioè con un decreto ministeriale che riconoscesse il diritto al pensionamento. La questione è, invece, legata alla circostanza di riconoscere un diritto specifico per il quale c’è l’esigenza di percorrere l’iter legislativo. Il presidente della Commissione Lavoro alla Camera, Cesare Damiano, è venuto ad Avellino e si è assunto degli impegni relativi al riconoscimento del trattamento pensionistico per i lavoratori dell’ex Isochimica. Come parlamentari irpini avevamo pensato che il presidente della Commissione avrebbe provveduto a calendarizzare quanto prima la proposta di legge. Ma così non è stato. Adesso, siamo pronti a dare vita ad un’azione determinata attraverso la maggior parte dei gruppi presenti in Commissione Lavoro affinché il presidente Damiano ci spieghi le ragioni della mancata calendarizzazione” .
“L’alternativa – ha continuato De Mita – potrebbe essere percorrere la strada di un decreto legge del Governo, ma anche in questo caso l’iter sarebbe lo stesso con la necessità del passaggio in Commissione Lavoro. Con la nostra proposta di legge abbiamo costruito una norma che riguarda tutti i lavoratori esposti all’amianto. Abbiamo fatto una valutazione sommaria del monte lavoratori coinvolti a livello nazionale e le coperture non mi sembrano essere un problema impeditivo. Non ci facciamo certo spaventare dalle accuse di demagogia che pure ci sono state mosse. Ma se l’esame del testo non ha avuto una prosecuzione, questo è un fatto e chi aveva la responsabilità di calendarizzarlo non l’ha fatto. Noi comunque non ci fermiamo.”
“Il punto – ha così concluso l’onorevole De Mita – resta risolvere il problema. Proprio per questo abbiamo sollecitato i capigruppo in Commissione di quei gruppi che ci stanno su questa linea, perché non tutti sono su questa posizione, per chiedere al presidente della Commissione Lavoro di assumersi la responsabilità politica e di spiegare le ragioni della mancata calendarizzazione. Alla fine, come extrema ratio, abbiamo gli strumenti tramite la presidenza della Camera per chiedere che la discussione del disegno di legge venga portata direttamente in Aula, evitando il passaggio in Commissione”.
Unico rappresentante irpino in Senato, Cosimo Sibilia che si è assunto la responsabilità di parlare anche con il presidente Commissione lavoro in senato Maurizio Sacconi. “Abbiamo sollecitato più volte il Governo, ma nonostante gli interventi non ci sono stati risultati tangibili, mi impegno laddove c’è una pregiudiziale alla Camera di chiedere una calendarizzazione anche in Senato”.

A seguire il video

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here