Vacanze nella Repubblica Dominicana: ecco come organizzarsi

0
729

La Repubblica Dominicana rappresenta la destinazione turistica ideale per tutti coloro che hanno voglia di vivere la bellezza del mar dei Caraibi e il fascino di spiagge tropicali dalla sabbia bianca. Il giusto mix di avventura e relax viene garantito da un Paese che offre foreste tropicali e città coloniali dal patrimonio artistico sorprendente, ma anche parchi naturali e cascate imponenti destinate a lasciare a bocca aperta. Il clima locale è di tipo tropicale caraibico: la stagione secca inizia a novembre e si conclude ad aprile, mentre tra maggio e ottobre il clima è afoso e la stagione umida, con numerose precipitazioni. Nel corso dell’anno, le temperature oscillano tra i 18 e i 29 gradi.

Che cosa sapere prima di partire per la Repubblica Dominicana

In previsione della partenza per la Repubblica Dominicana non sussiste l’obbligo di sottoporsi ad alcuna vaccinazione, anche se sono raccomandati i vaccini per l’epatite B, per il tifo, per la poliomielite, per il tetano e per la difterite. Oltre al passaporto, per entrare nel Paese è necessaria una carta turistica, che si può comprare direttamente all’arrivo a un costo di 10 dollari ed è valida per un soggiorno di trenta giorni. La polizza assicurativa sanitaria non è obbligatoria ma raccomandata. Per ciò che riguarda la sicurezza, non si può nascondere il fatto che nella Repubblica Dominicana il livello di criminalità è elevato, con furti e scippi che sono abbastanza frequenti soprattutto nelle località turistiche: proprio per questo motivo è bene essere sempre molto attenti.

Come raggiungere la Repubblica Dominicana

Il più importante aeroporto della Repubblica Dominicana è il DR. Francisco Pena Gomes o Las Americas, che è lo scalo internazionale di Santo Domingo, servito da vettori come Air Europa, Air France e Iberia. La Romana è un altro scalo internazionale che accoglie i voli charter dei vettori Eurofly, Blu Panorama e Livingston. Da segnalare anche lo scalo internazionale di Punta Cana, dove giungono i voli charter di Air France, di Eurofly, di Blu Panorama e di Livingston. Partendo da Roma o da Milano, il volo ha una durata di circa 11 ore, con destinazione La Romana o Punta Cana, senza scali intermedi. Si può fare riferimento alle compagnie Eurofly, Livingston o Bluepanorama. Nel caso in cui si faccia riferimento allo scalo internazionale di Samanà El Catey, è bene tener presente che non sono garantiti voli diretti dall’Italia, ma è necessario effettuare ben due scali: uno in Francia e uno in Canada. Come si può facilmente intuire, la durata del viaggio è destinata ad aumentare.

Quando andare in Repubblica Dominicana

Il periodo più indicato per una vacanza nella Repubblica Dominicana è quello compreso tra i mesi di dicembre e aprile. Va ricordato che la piovosità è consistente tutto l’anno sulla costa settentrionale, per effetto degli alisei. Ad agosto, e più in generale tra giugno e novembre, c’è il rischio di uragani. Nel caso in cui si abbia intenzione di cimentarsi in qualche escursione in montagna, poi, è sempre meglio avere a portata di mano un maglione e una giacca.

Dove soggiornare

La struttura ideale per soggiornare nella Repubblica Dominicana è il Viva Wyndham Dominicus Beach, resort situato in una delle location più spettacolari di tutta la costa dominicana. Affacciato sulla spiaggia di Bayahibe, mette a disposizione dei suoi ospiti ben sette ristoranti, ed è immerso in una fantastica atmosfera dai caratteri caraibici. Questo villaggio è ideale tanto per i gruppi di amici quanto per le famiglie; il fulcro dell’intrattenimento è rappresentato dalla Placita, che ogni sera accoglie animazione, balli e musiche per far divertire senza sosta grandi e piccini.