Sospensione dell’attività didattica, il Prefetto bacchetta i sindaci

0
5084

Michele De Leo – Sulla questione delle ordinanze dei sindaci, di sospensione delle attività didattiche in presenza negli istituti scolastici presenti nei propri comuni, interviene il Prefetto di Avellino Paola Spena. Il rappresentante di Governo – intervenuto in seguito all’ordinanza del Tar che ha accolto il ricorso contro l’ordinanza del Presidente della Giunta regionale Vincenzo De Luca, di sospensione dell’attività didattica in presenza nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado – ha invitato i primi cittadini che abbiano assunto provvedimenti più restrittivi rispetto alle disposizioni di livello governativo, a revocare, in autotutela, gli atti assunti. Il Prefetto ha sottolineato come “negli ambiti scolastici sono previsti rigorosi protocolli di sicurezza a garanzia di una adeguata tutela della salute” ed ha ribadito che “eventuali provvedimenti maggiormente limitativi potranno essere assunti solo a fronte di condizioni di eccezionalità e straordinarietà in seno allo specifico contesto locale, attestate dalla Asl”. Inoltre, ha evidenziato che “un provvedimento distonico e contrastante con l’orientamento centrale potrebbe palesare un’interruzione di attività essenziali a danno della comunità locale”.