Smartwatch o analogici? Guida alla scelta degli orologi Fossil

Smartwatch o analogici? Guida alla scelta degli orologi Fossil

13 Dicembre 2019

Indossare un accessorio casual può contribuire a rivoluzionare un outfit in modo accattivante e seducente: è proprio questo uno dei meriti degli orologi Fossil, che fanno dell’affidabilità il proprio punto di forza mescolando eleganza e innovazione tecnologica. Ormai è finita l’epoca in cui gli orologi erano unicamente oggetti che servivano a sapere l’ora, anche perché quel ruolo ormai è ricoperto dagli smartphone. Lo stesso dicasi per le sveglie, per i cronometri e per le altre funzioni, compresa la segnalazione dei fusi orari: pensano a tutto i telefoni cellulari, ma questo non vuol dire che l’era degli orologi sia tramontata e volga al termine. Anzi, è sufficiente l’intuizione giusta per fare in modo che un orologio si trasformi in un piccolo gioiello, un elemento di design altamente ricercato e contraddistinto dalla più elevata qualità dei materiali.

La storia di Fossil

Gli orologi Fossil rispondono a tutte queste caratteristiche, mettendo in evidenza i pregi del marchio americano: un brand che trae la propria origine nel 1984, anno in cui fu fondato da Kosta e Tom Kartsotis, due fratelli che partirono dal desiderio di lanciare sul mercato orologi che avessero un sapore vintage ma fossero al tempo stesso di moda, a un prezzo basso. Nel corso di questi 35 anni gli orologi Fossil si sono evoluti e hanno conquistato una platea sempre più ampia, anche per merito di uno studio attento e meticoloso incentrato sui gusti e sulle tendenze del nuovo millennio frutto delle esigenze attuali.

Il valore degli orologi Fossil

Ecco perché al giorno d’oggi quelli di Fossil sono orologi che possono essere considerati distintivi, un’idea regalo perfetta sia per sé che per gli altri: vale la pena di pensarci, visto che mancano poche settimane al Natale. Un punto di svolta nella storia del marchio si è verificato nel 2001, in seguito all’acquisizione di Zodiac Watches: con l’implementazione del brand elvetico, infatti, è cambiata l’idea di orologio, che ha assunto una direzione diversa, finalizzata allo sviluppo e alla messa a punto capaci di offrire una fascia di stile alta.

Piccole opere d’arte al polso

Sia chiaro: già dai primi anni gli orologi di Fossil si facevano apprezzare per i loro standard di qualità molto elevati, per di più garantiti a prezzi alquanto competitivi, sulla scia di uno spirito modern vintage che era in grado di coniugare la massima precisione dei movimenti con uno stile d’altri tempi. Sono state le acquisizioni successive, però, a far entrare il marchio nell’Olimpo del settore: dopo Zodiac Watches, infatti, nel 2004 è stata la volta di Michele Watches, il che ha consentito di aggiungere una maggiore creatività al design dei vari modelli.

Come riconoscere e scegliere gli orologi Fossil

Dagli smartwatch agli orologi meccanici automatici, passando per i modelli al quarzo, riconoscere gli orologi Fossil non è certo un esercizio complicato, vuoi per la maestria artigianale che li mette in risalto, vuoi per i dettagli ricercati dei cinturini, delle casse, dei quadranti e dei cristalli. I modelli con movimento al quarzo si basano sulle oscillazioni di un cristallo che consente la misurazione dello scorrere del tempo: un movimento rotatorio che associa la durata tipica di una batteria al quarzo con il meccanismo automatico. In particolare, la batteria consente il movimento delle lancette delle ore, mentre gli spostamenti del polso permettono quello delle lancette dei minuti.

Gli smartwatch

Per quanto riguarda il settore degli smartwatch, le proposte di Fossil sono munite di Wear OS by Google, e garantiscono la compatibilità sia con gli smartphone Android che con i dispositivi Apple. Numerose sono le attività a cui ci si può dedicare grazie a questi device, come il monitoraggio del battito del cuore, il controllo dei percorsi coperti grazie al gps integrato, la ricezione delle notifiche del telefono e perfino i pagamenti online, senza dimenticare la riproduzione delle playlist di Spotify.