Sconcerto per l’improvvisa scomparsa di Emilio Ruggiero

0
19

Una morte improvvisa, sconvolgente, arrivata nella prime ore di questa mattina che ha lasciato costernati amici e colleghi . A soli 41 anni, a seguito di un infarto arrivato in pieno sonno, scompare Emilio Ruggiero, assessore provinciale in carica alla ricerca scientifica ed innovazione tecnologica. Il giovane politico è spirato in Brasile dove stava sbrigando gli ultimi dettagli prima di ritornare in Irpinia con la sua nuova compagna Renata , laurea in informatica conosciuta ad Avellino per motivi di lavoro. Con la 28enne Renata, Ruggiero sarebbe convolato a nozze il prossimo mese e per questo motivo aveva già affidato ad un amico architetto l’incarico per la ristrutturazione dell’appartamento di Montefalcione. Nella giornata di ieri si era anche sentito telefonicamente con collaboratori del suo assessorato per essere messo a conoscenza dell’attività degli uffici e della campagna elettorale in corso. Un “uomo leale e pieno di umanità”, così l’ha definito Alberta De Simone, ritornata questa mattina a Palazzo Caracciolo dopo un viaggio negli Usa per l’incontro con le comunità irpine. La notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno: dolore e commozione a Montefalcione dove è stato primo cittadino per due legislature e dove vivono gli anziani genitori insieme al fratello. Ruggiero padre di un bambino avuto dalle prime nozze con Maria, era molto noto in Irpinia anche per la sua attività di consigliere provinciale con la Giunta Anzalone, poi assessore con Maselli e confermando l’incarico nell’esecutivo De Simone. Da sempre vicino al Presidente Nicola Mancino, il giovane assessore si è sempre caratterizzato tra i più attivi nella vita amministrativa e nelle scelte pur difficili del partito, dalla Dc ad oggi.Una giornata triste per i tanti addetti della politica e non, sconvolti dalla morte prematura del giovane assessore: tanti i messaggi di cordoglio, ad iniziare dall’Unione di Centro, dal Pd, dall’Udc, dai vertici di Palazzo Caracciolo e da Vanda Grassi, attuale primo cittadino di Montefalcione da sempre vicina all’amico. La politica e gli impegni elettorali sono stati annullati nella giornata di oggi. Occorrerà ora sbrigare le formalità di rito per il ritorno della salma in Italia; saranno tantissimi gli amici che si porteranno a Montefalcione per l’ultimo saluto a Emilio. Un giovane solare con la passione della politica.

ore 12.15 – Scompare improvvisamente il giovane assessore provinciale Emilio Ruggiero. La notizia arrivata come un fulmine a ciel sereno, ha colto di sorpresa amici, amministratori e la Presidente Alberta De Simone rientrata questa mattina dagli Usa. Ruggiero, ex sindaco di Montefalcione, da pochi giorni in Brasile, è stato colto da infarto nel sonno.

IN AGGIORNAMENTO

L’ULTIMO ARTICOLO su IRPINIANEWS Avellino – Dalla Provincia una speranza per i malati di celiachia – – Avellino – Secondo i sondaggi, si stima che una persona su 200 è affetta da una delle forme più diffuse di intolleranza alimentare, la celiachia. La malattia si manifesta essenzialmente in individui che hanno una predisposizione genetica e in seguito a ingestione di alimenti contenenti il glutine del grano e proteine analoghe presenti in altri cereali di uso comune quali orzo e segale.
L’unico approccio terapeutico attualmente riconosciuto valido è la dieta completamente priva di glutine,da seguire per sempre. Il glutine, però, non può essere eliminato dagli alimenti perché serve a mantenerne la struttura e a garantire le proprietà di “elasticità” dopo la cottura.
Numerose evidenze sperimentali indicano che il danno intestinale è prodotto da un alterata risposta immunitaria nei confronti di tale prodotto. Sulla scorta delle conoscenze immunologiche della patologia è stata ipotizzata dal C.N.R. (Consiglio Nazionale delle Ricerche) di Avellino la possibilità di bloccare preventivamente la presentazione del glutine agli agenti responsabili della risposta immunitaria (linfociti T) attraverso un particolare processo enzimatico.
Un aspetto estremamente interessante che è emerso nel corso della ricerca ha riguardato la possibilità di effettuare direttamente il trattamento enzimatico sulla farina anziché sul glutine estratto, mantenendo la stessa efficacia anti-infiammatoria. Obiettivo della ricerca, finanziata dall’ Assessorato alla ricerca scientifica e innovazione tecnologica della Provincia di Avellino, coordinato dall’assessore Emilio Ruggiero, consiste nel validare la capacità del trattamento enzimatico della farina di frumento per bloccare l’effetto tossico del glutine in pazienti celiaci.
Se i risultati dimostreranno la validità della ricerca condotta dal C.N.R. di Avellino, la Provincia di Avellino avrà aiutato milioni di persone di tutto il mondo.

IN AGGIORNAMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here