Salerno-Omicidio nella notte: sospettato 42enne di Montoro Inferiore

16 Dicembre 2005

I Carabinieri della Compagnia di Baiano, guidati dal Tenente Massimo Buonamico, a seguito di accertamenti e di verifiche, hanno individuato un 42enne di Montoro Inferiore: l’uomo sarebbe sospettato di aver preso parte all’omicidio di un 33enne, con piccoli precedenti penali alle spalle contro il patrimonio, avvenuto la scorsa notte in località Tramonti in Costiera Amalfitana. “L’uomo è tuttora ascoltato dagli inquirenti salernitani, ai quali dovrà spiegare la sua posizione ed i rapporti con la vittima. Tengo a sottolineare – dichiara il Tenente Buonamico – che il 42enne non si trova né in stato di fermo né è indagato. Sono normali interrogatori che si fanno nel corso di un’indagine”. Sull’efferato episodio criminale è stata aperta un’inchiesta condotta dal Pm Roberto Penna della Procura della Repubblica di Salerno: secondo una prima ricostruzione effettuata dai Carabinieri, ad agire sarebbero stati più killer. Avrebbero esploso tre colpi di pistola attingendo il 33enne Maurizio Esposito all’altezza della testa. L’arma usata sarebbe stata a tamburo e con calibro 7,65. L’agguato è avvenuto nei pressi dell’abitazione della vittima, che stava rincasando, in località Cesarano, dinanzi al cancello del deposito di legnami che gestiva: gli esecutori avrebbero agito da veri professionisti. Si sono avvicinati al 33enne ed hanno immediatamente aperto il fuoco per poi fuggire, probabilmente a piedi visto che nessuno del quartiere e neppure i familiari di Maurizio Esposito hanno sentito rumori di motori. Gli inquirenti non escluderebbero, almeno per il momento, alcuna pista: tra queste anche quella di una vera conoscenza tra la vittima e gli esecutori dell’omicidio. Nessun elemento chiaro neppure sul numero dei killer: ad aver sparato sicuramente è stato solo uno, in quanto i proiettili ritrovati farebbero parte di un’unica pistola. A lanciare l’allarme sono stati proprio i componenti della famiglia Esposito, accorsi sul balcone dopo aver avvertito il rumore degli spari. Purtroppo, nonostante il tempestivo arrivo dei soccorritori, per il 33enne non c’è stato nulla da fare: da un primo esame esterno sul corpo il medico legale ha accertato che i tre proiettili sono stati fatali. Il corpo si trova ora presso l’obitorio del “San Leonardo” dove sarà eseguito l’esame autoptico.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.