Regionali, De Luca:”Abbiamo sacrificato la scuola per votare a Settembre”

Regionali, De Luca:”Abbiamo sacrificato la scuola per votare a Settembre”

12 Settembre 2020

Il governatore uscente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, si è espresso in maniera polemica sul 24 Settembre, data che sancisce l’inizio del nuovo anno scolastico.

“Non ci sono ancora tutti i banchi e ritengo che bisognava votare prima – ha detto il governatore – abbiamo invece sacrificato la scuola per votare a Settembre”.

“Abbiamo contestato – ha ricordato De Luca – due orientamenti del governo nazionale, a nostro parere sbagliati come rendere facoltativi i test sierologici per il personale scolastico e, qui, in Campania sono obbligatori e la misurazione della temperatura corporea. Abbiamo deciso, pur non essendo di competenza della Regione, di dare tremila euro ai presidi per l’acquisto di termo scanner per la misurazione della temperatura dentro gli istituti scolastici. Quindi ci stiamo facendo carico di ritardi del ministero della Pubblica istruzione”.

De Luca ha concluso spendendo delle parole verso i docenti. “Combatteremo per impedire che i docenti che sono già in organico siano mandati a 500 chilometri di distanza e intendiamo attivare contratti integrativi di servizi con società private, di cui già ci si avvaleva per le gite scolastiche, per aumentare i mezzi e garantire il trasporto e la sicurezza degli studenti nell’avvio del nuovo anno scolastico».