Preso il responsabile dei furti ad Atripalda: è un solofrano

0
3

Solofra – Non è passata più di mezza giornata, perché i militari della Compagnia di Avellino potessero scoprire di chi fosse la mano che l’altra notte ha commesso i due furti alla ferramenta e alla pizzeria di Atripalda. E infatti, nella stessa giornata di ieri, i militari della locale stazione, in collaborazione con gli uomini Solofra, sono andati a far visita ad un noto pregiudicato solofrano, conosciuto per questo genere di illeciti. I Carabinieri sono arrivati a lui considerando alcuni elementi investigativi fondamentali. In primis il brevissimo lasso di tempo trascorso tra un reato e l’altro ha immediatamente fatto protendere per la tesi che a commettere i due fatti fosse stata la stessa persona. Inoltre, ad avvalorare questa tesi è stata anche l’assoluta coincidenza nel modus operandi utilizzato dal ladro che, in entrambi i casi, ha forzato serranda e porta d’accesso con una specie di piede di porco. Infine, anche la similarità nella tipologia di bottino, in un caso un computer portatile e nell’altro un televisore lcd, ha fatto subito pensare alla pronta disponibilità di un ricettatore interessato a questo genere di apparati elettronici. Così, dopo che i militari di Atripalda hanno raccolto alcuni indizi dalle due scene del crimine, quelli della stazione di Solofra hanno fornito un contributo fondamentale informandoli della tendenza delinquenziale di un cittadino solofrano, L.M. classe 1977. I Carabinieri sono andati a fargli visita proprio poche ore dopo la commissione dei delitti, trovando prove inconfutabili della sua responsabilità penale in ordine ai due furti. Il ragazzo non è però stato l’unico autore dei due reati, così ora i militari dell’Arma stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica degli avvenimenti della scorsa notte, in modo da poter risalire agli eventuali complici e poter rintracciare anche i possibili ricettatori che si sono impossessati del bottino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here