Montemiletto – Festa al Castello: oltre 20mila visitatori

26 Settembre 2005

Montemiletto – «Passeggiando tra i ruderi e le mura diroccate abbracciando con gli occhi e il respiro i panorami, le tracce, i baluardi, i merli, le ogive e gli articolati anfratti e giochi tra
natura e artificio, abbiamo lasciato scorrere
sulla pietra arsa figure illusorie di principi
regnanti e soldati, fantasmi pronti a difendere
patrimoni non materiali». Con questa
citazione Paolo Magno, presidente del
Comitato Centro Storico, ha dato
appuntamento all’anno prossimo per l’ottava
edizione della “Festa all’ombra del Castello”.
Tantissime le presenze che si sono registrate
a Montemiletto nell’ultimo fine settimana. Oltre
ventimila i visitatori che hanno partecipato alla
tre-giorni dedicata a storia, tradizione, cultura
ed enogastronomia. Sabato la serata clou.
Circa 15mila i presenti, molti dei quali
provenienti dalle regioni vicine, ma anche
dalla Svizzera. Per la tre-giorni gli organizzatori
hanno anche allestito un’area attrezzata per
ospitare i numerosi camper giunti in Irpinia.
Successo anche per il pranzo tenutosi nel
salone delle feste del Castello della
Leonessa, riaperto per l’occasione.
«La manifestazione è andata al di là di ogni
più rosea aspettativa» ha dichiarato Paolo
Magno, che nel tracciare il bilancio della
tre-giorni ha detto: «Abbiamo raggiunti livelli
altissimi. Mai registrate così tante presenze.
Merito anche della collaborazione che c’è
stata dal punto di vista organizzativo». Non
mancano i rangraziamenti del presidente del
Comitato Centro Storico «all’amministrazione
comunale». La tre-giorni è stata apprezzata
tantissimo anche dai montemilettesi «che
hanno avuto la possibilità di riscoprire le
bellezze del nostro paese – ha aggiunto
Magno -. Attraverso le prelibatezze culinarie di
un tempo, abbiamo dato alla gente la
possibilità di fare conoscere le nostre
ricchezze. Ma anche gli antichi mestieri con la
presenza di mastri, fabbri e falegnami, alcuni
del luogo, altri provenienti dalla costiera
Amalfitana».
Apprezzato dai visitatori anche lo spazio
allestito per i bambini, che ha dato la
possibilità ai genitori di godersi con
tranquillità la manifestazione-evento.
Successo anche per le esibizioni dei musici e
degli artisti di strada che tra ballate popolari
ed intrattenimento sono riusciti a coinvoglere
grande e piccini.
«Ma il successo più grande – ha concluso
Paolo Magno – è l’essere riusciti nel nostro
intento. Abbiamo, infatti, raccolto i fondi che ci
permetteranno di ultimare i lavori della Chiesa
di San Pietro, risalente al ’700. Tutto questo,
per noi, rappresenta un’ulteriore input a
continuare».
Insomma l’appuntamento con la “Festa
all’ombra del Castello della Leonessa” è
rinviato all’anno prossimo.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.