Montella – Di Iorio rieletto alla presidenza della Terminio Cervialto

24 Settembre 2005

Montella – Con 41 voti a favore – il Consiglio generale della Comunità Montana Terminio Cervialto ha rieletto presidente l’uscente Nicola Di Iorio. Rinnovata anche la giunta esecutiva che, al momento, è formata da sei assessori espressione della Margherita. Riconfermato alla vicepresidenza Antonio Prudente, rappresentante del Comune di Nusco. Resta in giunta anche Ferdinando Faia, espressione del comune di Senerchia. Quattro i nuovi ingressi: Giustino Raimato (Calabritto), Marino Sarno (Volturara Irpina), Angelo Antonio Di Gregorio (Luogosano), Attilio Meloro (Bagnoli Irpino). Hanno votato in maniera compatta e favorevole i consiglieri della Margherita. Voto favorevole anche da parte dei consiglieri espressione dello Sdi (Romano e Melillo). Assenti i consiglieri dei Democratici di Sinistra e dei Popolari – Udeur. Presente, in rappresentanza della Quercia, il consigliere Urbano Rosato. Tutto pronto però per l’accordo di centrosinistra che è stato solo rinviato per definire nei dettagli organigramma ed organizzazione complessiva dell’ente. Alla base un documento sottoscritto lo scorso 19 settembre dai rappresentanti delle quattro forze di centrosinistra presenti all’interno del consiglio generale dell’ente sovracomunale di Montella. Margherita, Diesse, Sdi e Udeur, infatti, hanno sottoscritto il comune intento di arrivare, in tempi brevissimi, alla definizione di un accordo di centrosinistra organico, per completare in maniera definitiva l’assetto dell’esecutivo, che tenga conto del peso e della consistenza dei singoli gruppi.
Nel corso della seduta di consiglio generale, il presidente Di Iorio è passato all’illustrazione dei contenuti del documento programmatico – politico che dovrà informare l’attività dell’ente per il prossimo quinquennio (2005 – 2010). Alla base i risultati raggiunti nel corso della precedente consiliatura: dal Pit del Parco dei Picentini alla candidatura a distretto turistico locale, dal Pit Borgo Terminio Cervialto agli importanti studi di fattibilità (Castavinum, potenzialità turistiche del Laceno, risorse idriche), dai Pir Ambito 3 e Ambito 2 fino a tutti gli strumenti messi in campo per la promozione del territorio e la tutela ambientale. Le azioni e le strategie attivate hanno spalmato sul territorio circa trentasei milioni di euro, coofinanziate per ulteriori venti milioni di euro. La consiliatura alle porte si incentrerà sul radicamento e ampliamento del concetto di ruralità, coniugata al turismo, all’ambiente, all’agricoltura, alle tradizioni e alla cultura. Gli obiettivi non potranno non essere centrati se non attraverso una capillare collaborazione con gli altri enti presenti sul territorio, dalla Provincia all’Ente Parco dei Monti Picentini. L’idea principe, dunque, è quella di un grande borgo diffuso, in una logica di sviluppo reticolare, di messa a sistema delle energie e delle risorse. Soddisfatto il presidente Nicola Di Iorio. “Con la mia riconferma – ha dichiarato – è possibile agire in continuità lungo il solco già tracciato negli ultimi cinque anni. Ci aspettano sfide importanti che potranno realmente determinare uno sviluppo nuovo per questo territorio. Da un punto di vista di metodo, mi aspetto uno spirito di collaborazione per un’attività amministrativa condivisa. Nessuno può pensare di agire nell’hortus conclusus del proprio Comune”. Ottimista il neo eletto presidente: “Nonostante, come gruppo della Margherita, avessimo i numeri per poter varare un monocolore, abbiamo mostrato disponibilità e apertura verso la costituzione di una coalizione di centrosinistra. Questo sarà il nostro prossimo impegno. Contiamo di arrivare in tempi brevi al completamento della giunta esecutiva”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.