Montefalcione – Puc e contrade rurali: la Grassi punta al rilancio

1 Gennaio 2006

Montefalcione – “Un bilancio nel globale più che positivo”. Così, il sindaco Vanda Grassi commenta l’operato della sua amministrazione nell’arco di questo 2005. “Abbiamo conseguito importanti successi – afferma la numero uno – ma c’è ancora da lavorare sia in campo politico che pubblico”. È alla riqualificazione urbana che la squadra della Grassi ha puntato in questi 12 mesi: dalla sistemazione delle contrade rurali all’erogazione dei servizi sociali. “Alcune località poco distanti dal centro abitato – afferma il primo cittadino – erano totalmente prive delle condizioni essenziali che determinano il progresso anche civile. Dalla rete idrica e fognaria alla pubblica illuminazione totalmente inesistente. Con l’arrivo del nuovo anno procederemo alla messa in cantiere di altri lavori per completare il mosaico degli interventi extraurbani”. Infatti, il 2006 si aprirà con l’espletamento di varie gare di appalto per lavori di sviluppo della vita cittadina. Interessate le contrade San Fele, Cesile e Carrani. Anche l’edilizia scolastica troverà posto tra gli impegni della numero uno. I plessi didattici verranno risistemati secondo le disposizioni europee e attrezzati di strumenti tecnologici per l’approfondimento di discipline scolastiche sperimentali. Ma la vera sfida della compagine Grassi è l’adozione del Piano Urbanistico Comunale prevista entro i primi mesi del 2006. “Bisogna che si concentri l’attenzione sulle varianti del Puc – continua il sindaco – al fine di approvare un documento urbanistico adatto al territorio di Montefalcione e alle associazioni di categoria del luogo”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.