Metro leggera, l’unica cosa certa per ora sono le anomalie tecniche

0
886

Metro leggera, l’unica cosa certa per ora sono le anomalie tecniche. Ovvero, come informa Air Campania, quelle “riscontrate sia sul materiale rotabile sia sull’infrastruttura”. Per questo motivo, “l’esigenza è quella di procedere a verifiche aggiuntive”. Tradotto, l’azienda fa sapere che “all’esito delle valutazioni tecniche effettuate, il direttore di esercizio della Metro leggera, l’ingegnere Luigi Di Mattia, ha ritenuto opportuno prolungare il pre-esercizio per tutta la settimana in corso”.

Insomma, la metro leggera di Avellino continua ad essere un mistero o un’opera buffa, scegliete voi. I lavori per la sua realizzazione sono partiti ben 20 anni fa e, dopo due decenni, tutti speravano che prima o poi partisse. Sarebbe dovuto accadere a fine luglio ma niente da fare.

Ad ogni modo, “al termine di questo ulteriore periodo di test l’azienda procederà ad inoltrare la richiesta di nullaosta all’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali, adempimento necessario per avviare il servizio del “Sistema di trasporto a basso impatto ambientale”.

“Sul fronte della viabilità, in un clima di collaborazione istituzionale, è stata informata l’Amministrazione Comunale anche di alcune problematiche riscontrate lungo il percorso”.