Maietta e Sestu i migliori. Della Rocca esordio da dimenticare

0
3

Gragnaniello 6 – Riesce ad opporsi agli attacchi di Godeas e Corona. Qualche colpa in occasione della seconda rete di Do Prado, errore da dividere con Della Rocca. Un goal che rovina una prestazione nel complesso positiva.
Maietta 6,5– Buona prova dell’ex crotonese ancora una volta tra i migliori in campo. Difende con ordine, bravo anche nelle ripartenze. Dalle sue parti difficilmente si passa.
Mengoni 6– Mezzo voto in meno per l’espulsione. Ennesima prova di qualità e quantità per l’ex centrale difensivo di Chievo e Grosseto. Peccato che dovrà saltare la sfida contro il Frosinone.
Cherubin 6– Gara a corrente alternata quella dell’ex reggino. Inizia bene, soffre Tarana nella seconda parte della prima frazione di gioco. Cresce nuovamente nei secondi quarantacinque minuti, dando un notevole contributo in fase offensiva, sfiora anche il goal.
Della Rocca 5– Una conclusione nei minuti iniziali mette non poco in difficoltà Pegolo. Si spegne progressivamente. Da un suo rinvio sbagliato nasce la rete di Doga, ha colpe anche in occasione del raddoppio di Do Prado.
Di Cecco 6,5– Cerca in tutti i modi di non far sentire l’assenza di Anastasi. Lavora per due, come sempre recupera diversi palloni. (77’ Nardini sv)
Porcari 5– Brutta prestazione del calciatore scuola Milan, poco lucido e concreto. Non è il giocatore che tutti conosciamo.
Tombesi 5,5 – In grosso calo rispetto alle precedenti gare l’ex esterno di Parma e Carpendolo. Giustamente sostituito.(63’ Paonessa 5- Male anche oggi, ‘Prodigy’ non riesce a dare incisività alla manovra offensiva. Sbaglia diversi palloni, anche i più facili)
Sestu 6,5– Finalmente gioca più vicino alla porta e si vede. Eccezionale quando riesce a vincere il duello con l’ex nazionale Fiore.
Kenesei 5,5– Punizioni a parte non riesce a sfruttare la nuova chance offertagli dal tecnico Carboni. Da rivedere.
Pellicori 5,5– Per impegno meriterebbe 10, ma ancora una volta fuori casa dimostra di avere grandi limiti caratteriali e poca lucidità. (67’ Cipriani 5,5- Subentra a Pellicori, ma la sostanza non cambia. Lotta come un dannato, ancora però a corto di condizione)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here