La Scandone fa sul serio e tenta il colpo a sorpresa

0
9

Ennesima conferenza stampa di questa stagione indetta dalla Scandone, alle ore 10 presso la sede di Piazza Libertà, per presentare gli ultimi acquisti. Dando per scontato gli arrivi di Williams e Radulovic, rimangono ancora ignoti gli altri componenti del roster. Il nome della guardia titolare rimane ancora misterioso. La pista Vanterpool, quella più affascinante è anche la più difficile da seguire. L’americano costa, ma non è questo il problema principale. Su di lui c’è l’interesse di altre compagini, che al momento non rappresentano il top del basket europeo. Questo perché il ragazzo uscito da St. Bonaventure, come Green, non è al massimo della condizione fisica. Per questa ragione e anche per motivi burocratici è stato scaricato dal Cska Mosca. Per portarlo in Irpinia, Avellino dovrà vincere la concorrenza di Siviglia e di Milano. Ancora una volta sulla strada della Scandone c’è Zare Markoski. Il macedone conosce bene Vanterpool per averlo allenato ad Avellino, conoscendo bene le sue qualità lo rivorrebbe con sé per farne il leader in campo e nello spogliatoio. Se con la guardia americana non si dovesse raggiungere l’accordo, l’Air avrebbe pronto già il sostituto. Si tratta sempre di un giocatore di livello internazionale. Boniciolli vuole una guardia che gli possa dare garanzia. Scommesse sono state fatte in altri ruoli. Per Mazzarino c’è l’ostacolo Cantù. La società brianzola non vuole perdere il suo giocatore di riferimento. Al play-guardia italo-argentino, che si abbinerebbe alle caratteristiche di Green, è stata fatta un’offerta che però si è presentata inferiore rispetto a quella che il GM canturino, Bruno Arrigoni ha proposto al giocatore. Quasi fatta invece per un altro giocatore italiano. Gigi Datome, 202cm per 90kg, sembra essere pronto per raggiungere l’Irpinia. Il nazionale azzurro, che recentemente ha conquistato la medaglia di bronzo agli europei di categoria, sarebbe una valida aggiunta. La sua versatilità gli permetterebbe di poter giocare si da tre che per qualche minuto da ‘4’tattico. Non si discutono le doti tecniche ed atletiche del cestista sardo, che proprio due anni fa contro Avellino mise a segno la bellezza di 27 punti. Una prestazione quella del 12 febbraio 2006 semplicemente impressionante. Il 77% da due il 57% da tre, 100% ai liberi e nove rimbalzi. Un ragazzo dalle grandi potenzialità che ad Avellino avrebbe la fiducia completa dello staff tecnico e dirigenziale. Magari a convincere il giocatore natio di Olbia potrebbe essere anche Andrea Pecile, suo grande amico. Per ciò che riguarda la preparazione estiva comincia a delinearsi qualcosa di più definito. Dal 7 agosto dovrebbero cominciare ad arrivare i giocatori che s sottoporranno alle visite mediche. Il 13 partirà la preparazione. Fino al 28 si rimarrà in Irpinia e in questi 15 giorni si proverà ad organizzare qualche amichevole prima di partire per Bormio. In Valtellina si rimarrà fino al 7 agosto. Qui saranno in programma delle amichevoli con 3 squadre turche. Sicuri gli incontri con il Besiktas e l’ Efes Pilsen di coach David Blatt. Ancora da decidere il nome della terza squadra. Un’agenda fitta di appuntamenti per i biancoverdi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here