La replica di D’Ercole: ‘Chiamarsi De Mita, non garantisce saggezza’

10 Gennaio 2006

Dopo gli affondi del leader nuscano Ciriaco De Mita nel corso del convegno di Sperone, non si fa attendere la risposta del capogruppoo regionale di An Franco D’Ercole che ha inviato l’esposto-denuncia presentato al Procuratore Distrettuale antimafia ed al Procuratore della Repubblica di Avellino per fare chiarezza su alcune dichiarazione dell’ex presidente del Consiglio, circa “presunte infiltrazioni nell’informazione locale”.
“Chiamarsi De Mita, se può garantire un ‘posto’ lautamente remunerato dal denaro al proprio rampollo, non sempre garantisce saggezza alle parole che gli escono di bocca”. “E per il momento non mi va di dire altro – conclude D’Ercole – sono persona corretta e rispettosa, io e non ho mai fatto sfoggio della mia professionalità, dei titoli accademici e dei livelli raggiunti nella mia professione. Non intendo farlo neanche adesso. Anche perché, se come dice l’antica saggezza, ‘ognuno con il proprio metro, l’altrui misura’, finirei, di riflesso, per dare a De Mita dei meriti che non ha. Per il resto, sarà la Magistratura a fare chiarezza su tutta la vicenda”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.