Interpartitico: tra conferme e smentite del documento nemmeno l’ombra

27 Settembre 2005

Interpartitico: slitta il documento della pace. Riunione fiume: il centrosinistra cittadino di nuovo alle prese con la ‘schiarita’. Già nella prima mattinata si intuisce la direzione che prenderà il vertice. Il confronto continua nel pomeriggio alla sede, questa volta, della Margherita. All’appello ci sono tutti. Tranne l’Udeur. Ancora malattia? I toni sono concitati, anche se, da più parti, nessuno parla di strappo. Tantomeno Gerardo Adiglietti che, raggiunto nella mattinata, ha continuato a ribadire la sua. Con un particolare: slitterà il documento, anche se “non è questo il punto”. “Ci sono dei passaggi non condivisi dalla Margherita”. Precisa il massimo esponente cittadino di Via Carlo Del Balzo. Due dei quali per intenderci rimangono: Mercatone e Puc.
Ci sono delle differenze di impostazioni anche abbastanza forti perché il documento pur condiviso, si tenta di sfumarlo”. E non va bene. “Non siamo portatori di sogni”.
“Ha sbagliato chi voleva sottovalutare. Rimane la difficoltà: non si possono fare riunioni in questo modo (l’ultima in ordine di tempo, quella di questa mattina, ndr), né io sono la balia asciutta”.
Cosa non va?
“E’ la preparazione dei documenti che deve cambiare segno. Non posso chiedere ad un consigliere di votare il Mercatone quando il consigliere non ha espresso la sua opinione e nemmeno è informato sui fatti”. In tre parole: “regna la confusione. Siamo d’accordo sull’analisi. Ma rimane la differenza sostanziale. La Giunta sta estrapolando il resto. Quando un consigliere non partecipa è evidente che ci sia un abbassamento del confronto morale. I consiglieri debbono essere informati su tutto”. Insomma nessuna pretesa se non quella di non fare voli pindarici, ma guardare alla realtà delle cose.
“Non c’è uno strappo: solamente dopo 15 mesi c’è la necessità di ragionare in proprio, se si hanno le capacità e questo abbisogna di una modifica dei comportamenti che si sono tenuti fino ad oggi. Non ci si può accapigliare su project financing sì, project financing no. Abbiamo seguito un metodo: non a caso sul Puc si ragiona, non sognando ma guardando le cose come stanno. Come si fa a parlare del Mercatone e del suo futuro quando è stato messo in vendita. Allora, lo togliessero dalla vendita, altrimenti di cosa parliamo”. Intanto continua il via vai continuo tra la sede del Fiorellino e la sede di via Carlo Del Balzo. Adiglietti è pronto con la sua bozza. La confronta con i suoi e lascia il tempo agli altri di fare lo stesso. E’ tarda serata e il confronto continua… (di Teresa Lombardo)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.