Frode fiscale con l’emissione di fatture false: blitz della Finanza tra Salerno e Avellino

0
1414

Nelle prime ore di questa mattina, su disposizione del G.I.P. del Tribunale di Salerno, la
Guardia di Finanza ha eseguito, tra le province di Salerno e Avellino, un’ordinanza di
custodia cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di Cirillo Vincenzo, indagato in
relazione ad una frode fiscale perpetrata nel settore della commercializzazione di prodotti
informatici e telefonici.

In concomitanza dell’arresto sono state effettuate anche una serie di perquisizioni presso le
sedi di 13 imprese, nonché le abitazioni di ulteriori due soggetti, coinvolti a vario titolo nel
meccanismo fraudolento e denunciati, altresì, per autoriciclaggio dei relativi proventi illeciti.

Secondo quanto ricostruito dalle Fiamme Gialle del Gruppo di Salerno nel corso degli
accertamenti coordinati da questa Procura della Repubblica, l’indagato posto agli arresti, formalmente residente in Bulgaria, ma che è risultato nei fatti vivere stabilmente a Scafati (SA), è da ritenersi il materiale ideatore e promotore di un sistema illegale che ha consentito, attraverso l’emissione di fatture per operazioni inesistenti (per l’ammontare di oltre 25 milioni di euro), un’evasione fiscale di circa 6 milioni e mezzo di euro.

Secondo la tesi accusatoria, la frode sarebbe stata realizzata sfruttando delle società
“cartiere” (tecnicamente “‘missing trader”) per l’acquisto, in regime intracomunitario, di
notevoli volumi di merce non imponibile ai fini IVA, che – proprio poiché beneficiava di
tale “risparmio” d’imposta – poteva essere poi rivenduta sul territorio nazionale applicando tariffe molto più vantaggiose della media, conseguendo comunque un considerevole guadagno e alimentando, parallelamente, delle condizioni di concorrenza sleale, per la significativa disparità rispetto ai prezzi praticati dalle altre aziende per le medesime tipologie di prodotti.

Sulla base degli elementi raccolti nel corso delle indagini, il G.I.P., condividendo, allo stato delle investigazioni, le ipotesi investigative, ha emesso un provvedimento di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca di tutti i beni nella disponibilità delle società interessate e di quelli riconducibili agli indagati, fino alla concorrenza di un importo pari alle imposte complessivamente evase.