Clan Ligato, la Cassazione annulla la posizione di due imputati

0
652

Clan Ligato, la II Sezione della Corte di Cassazione, su ricorso degli imputati, ha annullato con rinvio le posizioni di Michele De Biase e Luigi Mandesi, quest’ultimo difeso dall’avvocato Francesco Buonaiuto.

Confermata la sentenza per gli altri imputati, tra i quali i fratelli Antonio Raffaele Ligato e Felicia, entrambi figli del boss di Pignataro Maggiore Raffaele Ligato.

L’inchiesta aveva evidenziato come, nonostante l’arresto del capo Raffaele Ligato, i figli avessero preso in mano le redini della camorra creando una salda struttura organizzativa, con divisione dei ruoli, allo scopo di avere il monopolio del mercato delle sostanze stupefacenti.

Non era escluso il ricorso alla violenza mettendo in essere attentati dinamitardi e pestaggi affinché fosse chiaro il nuovo gruppo camorristico operante nel territorio di Pignataro e il ruolo di potere assoluto della famiglia Ligato.