Frizioni in casa Udc: Pionati frena, Iannaccone attacca

0
3

Avellino – Tappa irpina per Francesco Pionati che ieri sera, a sorpresa, ha preso parte al Comitato Provinciale dell’Udc. Un arrivo ‘silenzioso’ il suo ma che rimbomba all’interno del corridoio di indiscrezioni che davano lo scudo crociato irpino oramai vicino alla rottura. E l’assenza di Arturo Iannaccone e di molti altri dirigenti del partito sembra confermare le voci di una nuova corrente centrista, filofolliniana, capeggiata proprio dal segretario regionale. Un movimento di ‘contrapposizione’ alla politica del giovane Pionati allineato sulle posizioni dell’ex Presidente della Camera Pierferdinando Casini. Ma a smontare qualsiasi ipotesi di scissione ci pensa direttamente il neo senatore irpino che sottolinea: “Il partito è qui. Non c’è nessuna spaccatura… nonostante la fase di riflessione che sta attraversando qualche amico. Al di là dei nomi, il partito continua a lavorare con grande serenità con l’obiettivo di sovvertire il dato elettorale in Irpinia ed in Campania”. Diversa la posizione del segretario regionale dello scudo crociato: “E’ stato aperto un ragionamento in quello che oramai è l’ex partito dell’Udc – spiega Iannaccone -. Il percorso intrapreso da Marco Follini avrà degli effetti immediati. Vedremo quali”. Intanto ieri sera al Samantha della Porta il Comitato provinciale ha approvato, a conclusione dei lavori, un documento politico. Collaborazione, apprezzamento nei confronti della linea politica nazionale, unità. Tre punti fermi all’interno di un contesto ‘gestionale’ che parte dall’Irpinia. A conferma di ciò l’inaugurazione, sabato prossimo, della nuova segreteria cittadina. Il taglio del nastro è previsto alle ore 11.30 presso i locali di via Colombo. Nel pomeriggio, invece, Pionati incontrerà i suoi sostenitori. (mari.mo)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here