Franza: “Avversari concentrati su accuse fantasiose, ma senza idee e senza un programma”

Franza: “Avversari concentrati su accuse fantasiose, ma senza idee e senza un programma”

10 Settembre 2020

Doppio appuntamento con la cittadinanza, ieri, per il candidato sindaco del centrosinistra Enrico Franza. Per lui una giornata ricca di impegni, partita nel pomeriggio con l’incontro con le associazioni del Tricolle (cui ha preso parte anche la candidata a consigliera comunale Valentina Pietrolà) e culminata con gli incontri in Rione San Pietro e Contrada Santa Barbara. Entra nel vivo il dibattito politico, con Franza che ribadisce la volontà di superare gli individualismi, per far leva sul concetto di squadra. “Il candidato della coalizione di centrodestra parla solo di sé – ha affermato -, nella nostra coalizione, invece, c’è solo l’uso del “noi”, perché l’individualismo in politica, come dimostrato dalle passate amministrazioni di centrodestra, non porta frutti”. Respinge al mittente le accuse mossegli dall’avversario La Carità, sottolineando come la persistenza di problemi atavici della città (su tutti quello del traffico a Cardito) siano da addebitare esclusivamente alle vecchie amministrazioni, delle quali, ha affermato “il candidato di centrodestra è una propaggine”. Franza evidenzia i progetti cui si è dato avvio nella breve parentesi amministrativa che lo ha visto alla guida della città, dall’Erasmus Plus, alle start-up, alla creazione del polo culturale. Progettualità delle quali si sforzano di parlare anche gli avversari politici, senza che però vi sia nella sostanza, da parte di questi, alcuna conoscenza concreta degli argomenti. Franza invita a proseguire il cammino intrapreso con la sua precedente elezione, che aveva determinato la fine di un ciclo amministrativo, che oggi tenta di riproporsi con una coalizione che non offre nulla di nuovo, e che, soprattutto, non percepisce la responsabilità dei danni arrecati ad Ariano negli ultimi anni, attraverso la bocciatura del Bilancio consolidato, la mancata convocazione (in cinque anni) del comitato dei sindaci, la mancata nomina di un direttore dei lavori per l’efficientamento energetico del Palazzo degli Uffici (per cui sono andati persi un milione e duecentomila Euro). Solo alcuni esempi, per evidenziare come sia il momento di cambiare rotta e dare fiducia alla sua coalizione. Che non soffrirà la mancanza di una maggioranza, come accaduto all’esito della scorsa tornata elettorale (come ha spiegato anche Laura Cervinaro dei Democratici per Ariano), e che farà affidamento sulle competenze dei giovani di cui è forte la coalizione (elemento evidenziato da Antonio Gazzella – Democratici per Ariano, da Maria Teresa Grasso – M5S e da Patrizia Grasso – PSI). Progettualità concrete nell’auspicio di Giovambattista Capozzi (M5S) e Giuseppe Albanese (PSI), che rivendica la sua appartenenza al Partito Socialista, e che si è sentito in dovere di schierarsi a sostegno di “una persona coerente, trasparente e capace”. Ancora centrali nell’intervento di Valentina Pietrolà (Ariano Futura) l’associazionismo e lo sport, mentre Massimiliano Alberico Grasso (PSI) ha respinto al mittente le illazioni riguardanti la breve precedente esperienza amministrativa, evidenziando invece quanto di costruttivo posto in essere in quei pochi mesi. “Ridare il sorriso ad Ariano recuperando l’orgoglio e ricostruendo il dialogo con i paesi circostanti” è l’obiettivo di Pasqualino Molinario (Ariano Futura), che evidenzia la necessità di un ente Comune aperto a tutti. Lo stesso auspicio di Luca Orsogna (M5S), che ribadisce il convinto appoggio del Movimento alla candidatura di Franza, unico in grado, secondo la prospettazione di Carmine Grasso (Democratici per Ariano), di rompere definitivamente con il passato ed offrire una occasione di rilancio per la città. Questa sera Enrico Franza incontrerà gli abitanti della contrada Orneta (ore 21,00, nei pressi dell’edificio scolastico).