FOTO / Finalmente. Martedì riparte il mercato bisettimanale. A Campo Genova. “Ma tutto in via provvisoria”

FOTO / Finalmente. Martedì riparte il mercato bisettimanale. A Campo Genova. “Ma tutto in via provvisoria”

8 Maggio 2021

Alfredo Picariello – Quasi due ore di confronto presso la sede della polizia municipale, hanno “partorito” una sorta di topolino, come la montagna. Martedì prossimo, salvo sorprese delle ultimissime ore, dopo circa un anno e mezzo di stop, riparte il mercato bisettimanale di Avellino. A Campo Genova, naturalmente. “La fiera inizia in via del tutto provvisoria”. Lo sottolinea Peppino Innocente, vicepresidente dell’assocazione imprenditori irpini di Confesercenti.

Stamane, in via Tedesco, nella stanza del comandante dei caschi bianchi, Michele Arvonio, c’erano tutte le sigle che rappresentano i venditori ambulanti. A confronto con il sindaco, Gianluca Festa, e il vicesindaco, nonché assessore alle Attività Produttive, Laura Nargi.

L’amministrazione si è presentata al tavolo senza la graduatoria definitiva degli aventi diritto ma ha proposto ai commercianti di far comunque partire il mercato. “Si comincia in via provvisoria, con delle assegnazioni che effettuerà d’ufficio il Comune. Non non entreremo nel merito della questione. Tutto questo in attesa della redazione di una graduatoria definitiva – dice Innocente – . E’ una soluzione che, purtroppo, dobbiamo accettare perché la situazione era ormai diventata delicata, quasi esplosiva, non solo per i commercianti ma anche per le loro famiglie e per tutto l’indotto. Un anno e mezzo senza lavoro è dura per tutti”.

Le assegnazioni provvisorie fanno immaginare il rischio-caos per martedì. “Non credo. Se l’amministrazione riesce a fare un buon lavoro, così come si è impegnata a fare, le criticità saranno quasi nulle. Anche le opere che si devono fare, saranno realizzate. Di sicuro stalli e numerazioni, ma credo anche tutto il resto, come la pulizia dell’area”.

L’area di Campo Genova, come si sa, risulta potenzialmente inquinata ma ovviamente, dal punto di vista sanitario, perfettamente utilizzabile. Va ancora analizzata fino in fondo. “Da questo punto di vista, unico responsabile è il Comune, noi siamo fuori da questo discorso. Siamo ancora in attesa della sentenza del Tar e delle indicazioni definitive dell’Arpac. Oltre ai problemi dell’ambiente, non dimentichiamo che ci potrebbero essere anche problemi di sicurezza. Un mercato che taglia in modo perpendicolare una strada veloce non ci fa stare tranquilli”.

Inoltre, potrebbe sorgere un altro problema. Per escludere qualsiasi dubbio dal punto di vista ambientale, è più che probabile che nei giorni in cui non si terrà il mercato (lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì e domenica), nei primi mesi saranno effettuate delle analisi in quel di Campo Genova. “Non siamo assolutamente d’accordo con questa prospettiva avanzata dal Comune. Ci sarebbero delle evidenti difficoltà logistiche”.