FOTO/ Acp, Gallo succede ad Abate: botta e risposta con De Stefano

14 Ottobre 2013

Guarda le foto

Avellino – Dopo il cambio della guardia all’Acs, in serata l’assemblea dei soci-sindaci della Patrimonio, con i voti di Pd e Scelta Civica, ha decretato la nomina del nuovo liquidatore dell’Ente gemello della Servizi: si tratta di Francesco Gallo, già responsabile dell’area Finanza dell’Acs. Con il 55% delle quote presenti (il quorum richiesto era del 33%), Gallo subentra così al sindaco di Montemiletto Eugenio Abate. In precedenza e con i soli voti della coalizione di centrodestra (14,58% delle quote, ma non era prevista la maggioranza qualificata essendo l’Acp una spa) era stato approvato il bilancio 2012. “Chi voleva mettere instabilità nell’azienda ha raccolto alla fine solo il 14% dei consensi – ha commentato all’esito dell’incontro il numero uno della Servizi Lello De Stefano – Noi, per quanto possibile, abbiamo addirittura aumentato la percentuale di consenso all’interno dell’assise. Adesso sarà compito nostro chiudere il capitolo Patrimonio quanto prima. Gallo è un tecnico esperto e il più adatto a completare l’attività di liquidazione dell’Acp”. Queste invece le parole del neo liquidatore Gallo: “Faremo una ricognizione sulla situazione dell’Ente e poi proseguiremo sulla strada già tracciata, ovvero chiuderemo la parentesi dell’Acp che ad oggi non ha quasi mai assolto in pieno al suo compito, rappresentando solo un peso per l’Acs”.

L’assemblea (valida con il 68,86% delle quote presenti) era cominciata con la relazione di Eugenio Abate. “Al netto del debito storico dell’Acp – ha esordito Abate – abbiamo in questo anno rateizzato il dovuto con Equitalia e Agenzia delle Entrate. L’indebitamento dell’Acp è strettamente legato all’utile prodotto da Acs e pur essendo la Servizi e la Patrimonio due società cugine si sono rivelate essere alla fine entità fratricide. Ecco perchè oggi mi presento dimissionario, per non alimentare ulteriormente lo scontro”.

All’esito dell’assemblea, infine, Abate ha replicato alle parole di De Stefano: “Speravamo che l’atteggiamento di distensione tanto invocato da De Stefano alla sua elezione in Acs fosse cosa concreta – ha chiarito Abate – evidentemente la nostra fiducia è stata mal riposta. Il mio tempo in Acp era finito ed era stato giusto che io lasciassi il posto in favore di un nuovo soggetto, anche se – è bene dirlo – non c’era scadenza al mio mandato in società. Non ho fatto scelte individualistiche. Gallo? E’ un tecnico di valore – ha concluso Abate con una punta di sarcasmo – sicuramente è il migliore del loro gruppo”. (@antopirolo)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.