Ex Isochimica, in stand-by il piano di bonifica

0
83

Avellino – A distanza di due mesi circa si ritorna a parlare dell’ex Isochimica. L’assessore all’Ambiente, Antonio Spina, sollecita la Eurocomet, l’azienda privata che ha assunto l’onere di procedere alla bonifica dell’ex stabilimento di Elio Graziano, a presentare a stretto giro il piano lavoro con tanto di tempi e di modalità di attuazione. Passaggio, iniziale e necessario, sarà quello di intervenire laddove avveniva la scoibentazione dell’amianto, materiale che sarebbe ancora presente sottoterra, da quanto è emerso da sondaggi e rilevamenti compiuti, nei mesi scorsi, dall’Arpac. Continuano, infatti, ad essere presenti sullo spiazzale dell’azienda i cubi di “veleno” diventati friabili tanto che le fibre di amianto possono essere facilmente trasportate dal vento nel vicino quartiere di Borgo Ferrovia. Oggi è solo uno scheletro di fabbrica che negli anni 80 impiegava circa trecento operai per scoibentare dall’amianto le carrozze in disuso delle Ferrovie di Stato. Ricordiamo che anni addietro una prima e sommaria bonifica dell’area aveva permesso di rinchiudere in blocchi di cemento gran parte dell’amianto ricavato. Con gli anni quei blocchi hanno cominciato a deteriorarsi e per evitare che le spore, leggerissime potessero disperdersi nell’aria sono stati coperti da teloni in pvc. In attesa dell’avvio della procedura, i dipendenti dello stabilimento, circa 404 sono le maestranze, per l’esposizione all’amianto durata anni, vengono sottoposti periodicamente a visita medica. In un referto prodotto dal Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica di Roma, a seguito di un sopralluogo effettuato il 19 marzo del 1985, si legge: “Le analisi hanno evidenziato che la gran parte dell’amianto manipolato è della varietà più pericolosa del minerale e che la scoibentazione avviene in un ampio capannone unico privo di aspiratori e di sistemi di abbattimento della polvere. La scoibentazione – si legge nel referto – è effettuata a secco in ambiente polveroso ad occhio nudo ed i mezzi di protezione adottati dalla maggioranza degli addetti (semimaschere a filtro o addirittura mascherine di carta) hanno una protettività limitata rispetto al rischio”. Intanto, il tempo, l’incuria, l’abbandono, le piogge hanno fatto il loro lavoro ed il pericolo amianto continua. Ed è per questo, come ha spiegato Spina, che agli inizi del mese di luglio è stata convocata la Conferenza dei Servizi per dare una svolta ad un’annosa questione che ormai si protrae da ben 15 anni. Oggi, approvata dall’Arpac la caratterizzazione dell’area non resta che la ditta incaricata anche dalla curatela fallimentare passi dalle parole ai fatti. (Emiliana Bolino)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here