E-commerce del fresco: l’importanza dell’home delivery nel rispetto della catena del freddo

0
600

La digitalizzazione avanzata della società ha cambiato le abitudini d’acquisto dei consumatori, favorendo il modello e-commerce per lo shopping online.

Se in un primo momento il commercio elettronico ha interessato soprattutto prodotti come l’elettronica e i libri, oggi questa tendenza è sempre più diffusa anche per quanto riguarda i beni di prima necessità, soprattutto per quello che riguarda il settore food and beverage.

L’acquisto di alimenti e bevande sul web è ormai un consuetudine per molte persone, un trend accelerato dalla pandemia e al giorno d’oggi abbastanza consolidato. D’altronde, comprare online i beni di consumo primari offre diversi benefici ai consumatori, specialmente in termini di comodità, rapidità e convenienza.

Tuttavia, la vendita sul web di prodotti alimentari comporta una serie di complessità per le aziende del settore, soprattutto per quello che riguarda la consegna a domicilio: un servizio che, quando interessa alimenti freschi e, quindi deperibili, richiede necessariamente trasporti a temperatura controllata.

Le soluzioni disponibili per l’home delivery del fresco in Italia

 

L’home delivery del fresco consiste nella consegna a domicilio di prodotti alimentari facilmente deperibili, un servizio indispensabile per le aziende agroalimentari che vogliono sfruttare le opportunità del commercio elettronico.

In questo caso, dato che il trasporto interessa gli alimenti freschi, per rispettare la catena del freddo è necessario che la temperatura venga mantenuta sempre in un range compreso tra 0° e 4°C.

Si tratta di un servizio che in Italia viene messo a disposizione da realtà specializzate come STEF, importante azienda europea che si occupa della logistica e dei trasporti a temperatura controllata per il settore agroalimentare.

Nel dettaglio, il servizio di home delivery proposto da STEF permette di usufruire di un trasporto sicuro eseguito nel rispetto delle norme HACCP. Inoltre, grazie a una rete capillare e a un consolidato know-how, l’azienda si occupa anche della gestione di altri, importanti processi, come lo stoccaggio temporaneo dei resi e delle mancate consegne presso magazzini a temperatura controllata.

Si tratta di un servizio attento alla sostenibilità ambientale, in quanto evita l’utilizzo di imballaggi isotermici, con soluzioni IT dedicate come il tracking in tempo reale dei prodotti per le aziende e i consumatori finali.

Le opportunità per l’agroalimentare legate al food e-commerce

 

Dopo il boom registrato durante la pandemia a causa delle restrizioni sociali, il comparto food and grocery sta continuando a crescere online anche nel post-Covid. Secondo l’Osservatorio Digital FMCG di Netcomm e NielsenIQ, nel new normal sono 10,8 milioni i consumatori che acquistano prodotti agroalimentari online, con una crescita del 4,3% del settore food che arriva all’8,8% per il comparto delle drogherie online.

Si tratta di un mercato importante, considerando che già conta la presenza di quasi 900 piccole e medie imprese che propongono i prodotti di oltre 5.800 marche agroalimentari. Il retail food digitale, quindi, sta aprendo nuove e importanti possibilità alle aziende disposte a intraprendere il commercio online, che si tratti del canale principale di vendita oppure del supporto alla vendita tradizionale offline in negozio.

Tuttavia, secondo il Consorzio Netcomm, gli acquisti online richiedono maggiore attenzione all’innovazione di prodotto, al packaging e alle strategie di comunicazione, tutti aspetti che ricoprono un valore elevato per i consumatori.

Un altro aspetto determinante per il successo dell’e-commerce food and grocery è un servizio di consegne efficiente, infatti la comodità della consegna a domicilio è uno dei fattori più gettonati da chi scegliere l’acquisto online al posto di quello offline.

Le consegne richiedono però ingenti investimenti, superiori rispetto ad altri comparti che stanno ampliando la loro presenza nell’ambito del commercio elettrico. Anche per questo è determinante esternalizzare la consegna a domicilio dei prodotti agroalimentari deperibili a un operatore affidabile e specializzato, per concentrarsi sulle attività core del business e usufruire di un servizio di home delivery scalabile, versatile e personalizzabile per una maggiore competitività sul mercato.