Consorzio Servizi Sociali, 4 sindaci: nomina di Mercogliano illegittima

0
980
Antonio Mercogliano,
Antonio Mercogliano, sindaco Pago Vallo Lauro

VALLO LAURO- BAIANESE- I sindaci del Baianese hanno scritto ad Asl e Direttore generale del Consorzio dei Servizi Sociali per invitare a dichiarare nulla la rielezione del sindaco di Pago Vallo Lauro, Antonio Mercogliano, alla guida del C.d.A., chiamando in causa anche l’Anac.

Ma Mercogliano, a seguito della modifica di alcune clausole statutarie, approvate dall’assemblea dei sindaci, superando alcune antinomie, avrebbe accettato l’incarico.

Una bagarre che va avanti da alcune settimane. Andiamo per ordine. Dall’ultima comunicazione-diffida che Vincenzo Biancardi, sindaco di Avella, Enrico Montanaro, sindaco di Baiano, Alessandro Napolitano, sindaco di Mugnano del Cardinale, Simone Rozza, sindaco di Quadrelle, hanno inviato al Consorzio dei Servizi Sociali.

In buona sostanza le fasce tricolori mandamentali, ad eccezione dei sindaci di Sperone e Sirignano, hanno chiesto di annullare la nomina del Presidente del Consorzio, sottolineando come: “appare di palmare evidenza che gli articoli 28 e 30 dello Statuto affidano, rispettivamente, al Consiglio di Amministrazione del quale il Presidente fa parte e al Presidente stesso, funzioni e attività gestionali che rendono del tutto illegittima, rectius: nulla la nomina del sindaco del Comune di Pago del Vallo di Lauro alla carica di Presidente del C.d.A., stante le diposizioni di cui al d.lgs.39/2013”.

Hanno rimarcato: “che in relazione a fattispecie del tutto analoga a quella che ci occupa, come riportato nel documento acquisito agli atti dell’Assemblea, la stessa ANAC, da ultimo, con deliberazione n°362 del 20 luglio 2023, ha chiarito che “Il sindaco di un Comune, facente parte di un consorzio di sistema integrato territoriale, non può essere allo stesso tempo Presidente del C.d.A. ne deriva, che essendo inconferibile l’incarico, l’atto di conferimento è nullo, ai sensi dell’art. 7, comma 2, lett. c) del d.lgs 39/2013””.

Ma a quanto pare per Mercogliano il problema sarebbe superato. L’Assemblea del Consorzio con Deliberazione del 1 marzo 2024 ha provveduto a modificare lo Statuto esistente per superare proprio ogni possibile contrasto interpretativo, così fugando ogni possibile dubbio circa la compatibilità del Sindaco quale Presidente del Consiglio di Amministrazione e confermando, di fatto, pressappoco all’unanimità la scelta di confermare Mercogliano.