Compartecipazioni, cala il sipario: il punto in casa Avellino

0
7

Calcio – Il fragoroso colpo di scena – per la verità annunciato – relativo al riscatto di Armando Izzo da parte dell’Avellino, ha fatto calare il sipario sulle compartecipazioni. I biancoverdi ne avevano cinque da discutere, alcune importanti e altre meno, e al termine di una settimana movimentata sono riusciti a raggiungere i propri obiettivi. Il presidente Walter Taccone ha fatto valere i propri argomenti, riuscendo a trattare in posizione di forza al cospetto di direttori generali del calibro di Pierpaolo Marino e Riccardo Bigon. Atalanta e Napoli, infatti, non hanno ottenuto sconti sui talenti Zappacosta e Izzo allevati in Irpinia. Ora, però, è utile analizzare gli scenari che attendono loro e gli altri tre calciatori in regime di partecipazione fino a ieri.

Davide Zappacosta (rinnovo). L’Avellino ha rinnovato l’accordo di comproprietà con l’Atalanta, ricorrendo alla formula del prestito ai nerazzurri per consentire al laterale sorano di approdare in A. Il club bergamasco molto probabilmente lo riscatterà per gennaio con un “acconto” che potrebbe essere rappresentato dalla doppia operazione Ardemagni-Koné. Il valore del calciatore, però, è destinato potenzialmente ad aumentare. L’Avellino si augura che l’impatto di Zappacosta sul massimo campionato sia felice, in modo da monetizzare il più possibile nella sessione invernale di mercato.

Armando Izzo (risoluzione Avellino). Anche in tal caso il quadro appare abbastanza chiaro: l’Avellino se l’è aggiudicato versando la cifra irrisoria di 200mila per poi ricavarne una ghiotta plusvalenza. La sua valutazione si aggira intorno al milione di euro: altro grasso che cola per le casse biancoverdi. L’onnipresente Atalanta, il Genoa e il Chievo seguono il difensore da tempo e potrebbero offrire anche contropartite tecniche per accaparrarselo.

Luca Bittante (rinnovo). Farà ancora parte della truppa di Rastelli che sulla fascia destra avrà un’altra alternativa ed elemento di cui si fida. Avellino e Fiorentina hanno rinnovato per un altro anno, l’ultimo, la compartecipazione. Se ne riparlerà alla fine del prossimo torneo.

Andrea De Vito (risoluzione Avellino). L’Avellino lo ha riscattato dal Cittadella alle buste senza offrire un euro. L’esterno scuola Milan tuttavia è destinato a cambiare aria, con le porte della Lega Pro pronte a spalancarsi. Alessandria e Bassano sulle sue tracce.

Michael Panatti (risoluzione Como). Nessun interesse a riscattarlo da parte del ds Enzo De Vito che alle buste lo ha concesso al Como. Dei cinque calciatori in compartecipazione è stato l’unico ad essere lasciato al club contitolare del cartellino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here