Cesinali – Dopo un anno riaperto l’ufficio postale

3 Gennaio 2006

Cesinali – Sarà stato provvidenziale il monito del primo cittadino Ciro Tango a pochi giorni dal Natale, fatto sta che lo scorso 22 dicembre, l’ufficio postale di via Mancini ha riaperto gli sportelli. Chiusa da oltre 12 mesi, per lavori di adeguamento, la filiale delle Poste Italiane, rischiava di essere oggetto di una vera e propria querelle burocratica. “Ce l’abbiamo fatta. – ha affermato il numero uno Tango – Finalmente abbiamo ripristinato un servizio cittadino di fondamentale importanza. Ormai da un anno gli utenti per poter entrare in possesso della propria corrispondenza erano costretti a spostarsi nella vicina sede di Aiello del Sabato. Ma ora, garantiamo, non ci sarà nessun disservizio”. Solo una piccola ombra incombe sulla riapertura dell’attività dell’ufficio postale: manca personale. Carenza, che a detta del primo cittadino, verrà al più presto adempita. E con l’inizio di questo 2006, l’amministrazione comunale di Ciro Tango, sembra aver trovato una forte armonia per poter lavorare bene. Il prossimo 16 gennaio, infatti, saranno aperte le buste per affidare gli interventi di ristrutturazione della scuola materna di via Provinciale. La struttura, completa di 2 maxi aule, un refettorio, una cucina, una sala per l’intrattenimento didattico, bagni e verde attrezzato, sarà interessata da lavori di adeguamento antisismico e messa a norma. Un operato, stanziato per un totale di un milione di euro, che ha già visto l’appalto di un primo lotto. “Attendiamo – continua il sindaco – la conclusione dei finanziamenti regionali per completare l’iter procedurale dei lavori. Con l’inizio del nuovo anno scolastico, i piccoli allievi della Materna avranno una scuola moderna ed efficiente”. (Marianna Marrazzo)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.