Castelfranci, il giorno dopo… è caccia al vincitore

0
8

Castelfranci – La Dea Bendata strizza l’occhio all’Irpinia. A Castelfranci si festeggia ancora per la vincita di un milione di euro, quarto premio della Lotteria Italia. Brindisi, fuochi pirotecnici, abbracci. Una festa durata tutta la notte e che ancora ieri ha animato contrada Braudiano. Entusiasta il titolare del bar Tabacchi dove è stato venduto il fortunato biglietto. “Siamo tutti curiosi di conoscere il fortunato vincitore – ha affermato Carlo Perillo, gestore dell’esercizio – e in paese sono in molti ad attribuire la vincita alle diverse famiglie di contadini che risiedono in zona. La mia ricevitoria si trova in una delle aree marginali di Castelfranci ed è frequentata maggiormente da automobilisti di passaggio ed operai. Insomma, soprattutto in questi giorni di festa è quasi impossibile identificare il presunto vincitore”. Un bottino da un milione di euro, circa due miliardi delle vecchie lire, che sicuramente avrà cambiato la vita di qualcuno. “Siamo balzati agli onori della cronaca nazionale per una vincita da capogiro. Forse la più alta registrata in Irpinia. In paese si susseguono le voci sul vincitore, ma poi vengono smentite all’istante. Così si fa spazio l’ipotesi che il milione di euro sia andato a finire all’estero”… ma anche a qualche “vicino” di Paternopoli. I “sospetti” sono concentrati su alcune famiglie del paese confinante: si studiano atteggiamenti e gesti… Infatti, durante il Natale e il Capodanno, la tabaccheria di Carlo Perillo ha venduto più tagliandi rispetto gli altri anni grazie alla presenza di molti emigranti tornati in paese e di cittadini di Paternopoli che per la concomitante chiusura di un negozio di tabacchi si sono riversati nella vicina Castelfranci. “Quest’anno la vendita dei biglietti abbinati alla Lotteria Italia è stata davvero esorbitante rispetto gli scorsi sorteggi. Sono stati venduti oltre un centinaio di coupon, infatti, credo che gran parte degli acquirenti sia rimasta incollata agli schermi di Rai Uno per propiziare la propria vittoria”. Ormai è caccia al nuovo ‘paperone’ d’Irpinia. Si guarda anche in particolare ai paesi limitrofi. “Questa vincita ha portato euforia nella nostra comunità – continua Carlo Perillo – e per questo credo che il vincitore non si faccia vivo prima che tutti questi festeggiamenti siano terminati”. Pioggia di euro anche nella città capoluogo. Nel punto vendita di via Colombo 96 è stato acquistato il biglietto da 50mila euro, mentre un altro da un taglio da 20mila è stato venduto sull’A16 Canosa-Napoli. (di Marianna Marrazzo)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here