Carte false per candidarsi alle comunali. Assolto un quarantatreenne

0
1273

PRATOLA SERRA- Era finito sotto processo per falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. Sostanzialmente avrebbe prodotto una documentazione allegata alla sua candidatura alle ultime comunali di Pratola Serra in cui attestava di non trovarsi in condizioni di incandidabilita’. Atto che era finalizzato all’accettazione da parte della Subcommissione elettorale circoscrizionale nell’ottobre del 2022. Ma dal casellario che aveva acquisito la Commissione, era emerso, invece, che c’era una condanna divenuta irrevocabile nel 2013. L’imputato, un quarantatreenne, difeso dal penalista Alberico Villani, e’ stato assolto dall’accusa “perché il fatto non costituisce reato”. Anche la Procura aveva invocato un’assoluzione con la formula del 131 bis (ovvero un fatto di lieve entità). La linea della difesa, il penalista Alberico Villani, che evidentemente (si dovranno però leggere le motivazioni) ha attecchito, riguardava l’errore in cui era incappato il suo assistito, che aveva ottenuto il rilascio di un certificato che riportava “nulla” per uso elettorale, per cui aveva ritenuto di potersi candidare alle amministrative.