Basket – Scandone, dopo Williams arriva anche Mazzarino?

0
10

Avevano promesso un campionato di vertice, forse quello che si presentava come un miraggio potrebbe divenire realtà. Con la squadra che Boniciolli sta costruendo, grazie al contributo dell’Air e di Ercolino, sognare è sempre più possibile soprattutto dopo le ultime indiscrezioni. Il quintetto base della formazione irpina è ormai completato: Green, Ortiz, Radulovic e Williams, manca un altro esterno per completarlo. Il nome più gettonato nelle ultime ore e senza dubbio il più seducente è quello di David Vanterpool. L’uomo di Daytona nel caso dovesse tornare a vestire la maglia biancoverdi farebbe felici sia pubblico che dirigenza. Ad Avellino ha lasciato un ricordo indelebile, soprattutto perché dopo ha fatto la fortuna di squadra come Siena e Cska Mosca che con lui si sono aggiudicati lo scudetto in Italia e l’Eurolega. Con la maglia dell’Air Avellino in 31 partite disputate mise a segno 17 punti di media conditi da 5 rimbalzi 4 palle recuperate e 2.5 assist. Nella stagione 2002/2003 fu fondamentale perché riuscì ad imporsi come leader in una squadra priva di talento, dando grande sicurezza ai compagni. Decisivo in più occasioni anche nella vittoria contro Udine, fondamentale per la salvezza degli irpini. L’anno successivo a Siena fece benissimo risultando anche in quella circostanza. Il campionato lo chiuse con 12.9 punti di media, con il solito supporto di rimbalzi e palla recuperate. La stagione successiva fu altrettanto importante anche se condizionata da infortuni che lo costrinsero a saltare qualche partite. Nella stagione 2005/2006 al Cska Mosca è voluto da Ettore Messina per il quale rappresenta il giocatore ideale. Carismatico, lottatore, utile su entrambi i lati del campo, capace di dare sicurezza a tutti compagni. Con la squadra dell’Armata Rossa vince l’Eurolega. Determinante la sua prestazione in semifinale contro il Barcellona. L’ultima stagione è stata condizionata dagli infortuni e forse proprio per questo motivo. Da marzo a giugno è stato fermo per problemi alla schiena e al ginocchio. Ciò non gli ha permesso di disputare la finale di Eurolega, persa da Cska in Grecia nella tana del Panathinaikos di Atene. Ma perché un giocatore del genere verrebbe ad Avellino? Forse perché gli infortuni lo inducono a giocare di meno e perché ritiene ambizioso il progetto irpino. È certo che se Vanterpool dovesse far parte della squadra del prossimo anno, anche se non al 100%, ad Avellino potremmo davvero divertici. Inoltre il suo acquisto farebbe eco alle parole di Ercolino, che parlava della trattativa con un giocatore di caratura internazionale che per l’Air sarebbe stato un lusso. A questo punto la Scandone dovrebbe provare a prendere una guardia italiana con le doti ti tiratore. Uno alla Mazzarino, che però ha rinnovato con Cantù. Se si dovesse prendere un atleta con queste caratteristiche, allora la pista Vanterpool avrebbe maggior senso. Un tiratore con gli stessi ‘skills’ dell’italo-argentino sarebbe l’ideale. Perfetto per punire i raddoppi su Radulovic e Williams e sugli scarichi di Green o Vanterpool. L’Air avrebbe già in casa un cecchino simile, Lisicky, ma sarebbe necessario trovarne uno più affidabile. Nel caso Boniciolli dovesse strappare Mazzarino, Lisicky partirebbe cosi come Rossetti nel caso arrivasse uno tra Datome o Righetti. Una Scandone pronta a tutto. Più che mercato questo per i tifosi irpini sembra fantabasket. Non si sono mai trattati giocatori a cifre così elevate. Ad Avellino si sogna ad occhi aperti.(di Giovanni La Rosa)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here