Avellino – Miasmi dal Cdr, il sindaco chiede spiegazioni

0
3

Avellino – I rifiuti, lo sappiamo, rappresentano la ‘patata bollente’ per le Istituzioni. E in Irpinia sembra essere un problema insormontabile soprattutto se si chiama in causa il Cdr di Pianodardine. In questi giorni vi è capitato di transitare nei pressi dell’impianto? Chi lo ha fatto può ben capire quanto sia necessario risalire alla causa dei miasmi che fuoriescono, periodicamente, dalla struttura di lavorazione dei rifiuti. Esalazioni che rendono la vita difficile soprattutto ai residenti delle aree limitrofe all’impianto ma anche agli automobilisti. I cittadini sono costretti la mattina a non poter spalancare i balconi per far arieggiare gli appartamenti. Qualora lo facessero, infatti, non sarebbe difficile essere colti da qualche malore. Gli automobilisti invece o devono ‘tapparsi’ il naso oppure sono costretti a non aprire i finestrini per non essere investiti dall’aria malsana. Insomma vita davvero difficile e una situazione apparentemente paradossale agli occhi di chi non ha idea dell’aria che effettivamente si respiri nell’area circostante all’impianto. È lo stesso Sindaco di Avellino, Giuseppe Galasso, a prenderne atto e correre ai ripari: “Sono cosciente dei disagi a cui sono sottoposti gli abitanti di Pianodardine. Il Cdr, lo sappiamo tutti, è in sovraccarico a causa dell’emergenza che nel periodo estivo si è registrata. Ciò non giustifica l’aria quasi irrespirabile che sovrasta la zona ed è per questo che ho fatto richiesta al responsabile dell’impianto di porre in essere accertamenti tali da individuare il perché dei miasmi. Una volta individuato il problema mi impegnerò personalmente affinché questo disagio possa cessare”. Gli odori sgradevoli si registrano soprattutto la mattina in quanto si avvia la lavorazione, mentre il sabato e la domenica tutto ritorna alla normalità poiché la struttura è chiusa. Molti residenti sono letteralmente sull’orlo di una crisi di nervi e stanno anche valutando la possibilità di andar via… economia familiare permettendo. Ma tutto ciò ha dell’inverosimile in quanto i responsabili della struttura devono, così come dagli stessi assicurato all’inaugurazione dell’impianto, garantire il rispetto di tutte le norme di Legge ma soprattutto l’assoluto rispetto della salute dei cittadini. (e.b.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here