Avellino – Comune, l’Udeur chiede spiegazioni ma…

0
3

Avellino – Empasse al Comune: ieri in conclave l’Udeur che nel corso dell’incontro targato Campanile ha discusso ‘inter nos’ perché il primo cittadino di Piazza del Popolo Giuseppe Galasso, non ha partecipato alla discussione -impegnato su altri fronti-. Così ha riferito agli esponenti udeurrini che avevano convocato il vertice per avere chiarimenti in merito allo stop del centrosinistra a seguito delle frecce avvelenate di Gerardo Adiglietti segretario cittadino della Quercia. Accuse rese pubbliche al Victor Hugo che fanno ancora discutere e che hanno aperto il banco di prova nella maggioranza di Palazzo di Città. E’ proprio nella sede di Ap-Udeur che si sono ritrovati Pasquale Giuditta, Pino De Lorenzo, Nino Musto, Bruno Di Nardo, Sergio Trezza, per mettere i puntini sulle ‘i’ rispetto ad una verifica che tarda a venire. La soluzione – che a dire dei fedelissimi mastelliani – potrebbe restituire serenità e fiducia all’opinione pubblica nella quale si è insinuato il dubbio che qualcosa davvero non funzioni, è l’azzeramento della giunta. Una proposta detta e ridetta, accompagnata tra l’altro anche dalla posizione della Quercia di Via Serafino Soldi, dallo Sdi di Mattia Trofa anche se più in sordina. Una richiesta trita e ritrita che giorno dopo giorno si arricchisce di un nuovo condimento anche se la minestra risulta essere la stessa. Fuori i tecnici dell’esecutivo comunale. Una posizione che non piace al vertice di Piazza del Popolo che invece chiede al suo gruppo maggiore impegno e volontà nel ricucire gli strappi. Il tutto perché non vi sarebbe alcuna necessità oggettiva che faccia intravedere sostituzioni. Intanto il giro di telefonate continua, dei consigli e delle bacchettate pure. E… nonostante i mugugni dei più, il giorno della verità tarda a venire. (tl)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here