Atripalda, auto del parroco sfondata con un grosso masso. “Amareggiato ma sorrido e perdono”

0
2793

Risveglio amaro, questa mattina, per la comunità di Atripalda. E’ stato preso di mira, da ignoti, il prete di una delle chiese simbolo della cittadina del Sabato, ovvero Don Luca Monti, parroco di Sant’Ippolisto. Ieri sera, poco prima delle 22, con un grande pezzo di asfalto, qualcuno ha purtroppo ha pensato di sfondare il vetro posteriore della sua auto, parcheggiata davanti la casa canonica alle spalle della chiesa. I danni alla macchina sono rilevanti, Don Luca ha subito scritto un post con il quale perdona l’autore del vile gesto. Ma ai fedeli che stamane gli sono andati ad esprimere solidarietà, ha confessato di essere molto amareggiato.

Sul caso di Don Luca Monti stanno indagando ovviamente i carabinieri della stazione di Atripalda che hanno già ascoltato la versione del prete. I militari stanno effettuando sopralluoghi nella zona del centro storico dove è avvenuto il fatto, anche alla ricerca di telecamere che hanno potuto riprendere qualcosa o qualcuno, anche perché dinanzi la casa canonica non ce ne sono. Probabile che vengano ascoltato anche i residenti. Pare che nel centro storico, in passato, ci siano stati già episodi simili. Ovviamente la città di Atripalda attende risposte, è abbastanza sconvolta.

Una bruttissima notizia per la nostra comunità. E’ il primo commento, a caldo, del sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo su quanto accaduto a Don Luca Monti. Il primo cittadino ha immediatamente telefonato al parroco per esprimergli tutta la sua vicinanza e quella di tutta la città. In questi giorni, sarà potenziata la sorveglianza dei vigili urbani. Ad esprimere solidarietà a Don Luca Monti anche Luxuria, molto legata al parroco. In occasione della Candelora del prossimo 2 febbraio, l’ex parlamentare andrà di persona ad abbracciare l’amico prete.