Alta Irpinia – Ospedali: anche la Chiesa si schiera contro i tagli

0
6

Sant’Angelo dei Lombardi – In Alta Irpinia il fermento non si placa. Cittadini e istituzioni continuano la mobilitazione per evitare i tagli agli ospedali. Il sindaco di Sant’Angelo dei Lombardi Michele Forte ha già reso noto che chiamerà a raccolta i sindaci del suo territorio affinché sappiano “… cosa fanno i nostri consiglieri regionali per difendere il diritto alla salute delle comunità”. Secondo il piano l’ospedale di Bisaccia – che vanta 10 posti letto in chirurgia, 20 in medicina e 30 in lungodegenza e un servizio di primo soccorso per la stabilizzazione del malato – dovrebbe passare da ospedale di comunità a presidio territoriale e reinserito nella rete di emergenza. Per quanto riguarda il Criscuoli di Sant’Angelo dei Lombardi è prevista la rimodulazione dei posti letto: 96 in riabilitazione, 10 in chirurgia e 10 in medicina. L’ipotesi non trova d’accordo il consigliere regionale Mario Sena che attende la discussione in Consiglio per capire se l’assessore Angelo Montemarano ha vagliato gli emendamenti presentati al piano ospedaliero. E sulla vicenda interviene anche la Chiesa dell’Alta Irpinia. Dopo aver preso una chiara posizione sulla discarica del Formicoso, il Vescovo Alfano ha convocato il Consiglio pastorale diocesano che ha preparato un documento di dissenso contro decisioni che mortificano ancora una volta le zone più interne della regione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here