Alaia: “Al Landolfi unità di medicina riproduttiva, sarà eccellenza in Campania”

Alaia: “Al Landolfi unità di medicina riproduttiva, sarà eccellenza in Campania”

13 Marzo 2021

“Il ‘Landolfi’ di Solofra continuerà ad essere una struttura attiva e funzionante, un presidio per tutta la comunità irpina che conserverà e acquisirà nuove peculiarità. Non solo con il punto di primo intervento ma anche con una contestuale ridefinizione, caratterizzazione e completamento dei percorsi clinici aziendali con nuove branche specialistiche. Inoltre, istituirà una Unità operativa di Medicina riproduttiva che si occuperà di infertilità, abortività, genetica riproduttiva, banca gameti. Un centro, che insieme alla funzione di Procreazione medicalmente assistita, sarà un’eccellenza non solo per la Campania portando benefici per l’economia locale e creando un indotto significativo per tutte le comunità irpine circostanti”.

Così il Presidente della Commissione Sanità del consiglio regionale della Campania, Enzo Alaia, che da diverse settimane ha avuto una serie di incontri con il Management dell’Azienda Ospedaliera ‘San Giuseppe Moscati’ insiemi ai consulenti medici dell’organismo, Guarente e Cerrato, finalizzati alla soluzione della questione ‘Landolfi’. 

“Nelle scorse settimane – aggiunge Alaia – abbiamo raccolto le istanze provenienti dal territorio, dai sindaci e dagli amministratori, affinché in sinergia con la Regione e le Direzioni generali, l’Irpinia possa avere anche con il Landolfi, un sistema sanitario sempre più adeguato alle realtà locali”.

“In questa fase – aggiunge Alaia – il Landolfi continuerà, come disposto dalla Direzione Generale, ad assicurare le azioni necessarie affinché garantisca una idonea ed efficace assintenza ai pazienti che contraggono il Covid, rendendo un servizio fondamentale a tutta la comunità irpina impegnata nell’emergenza”.

“L’obiettivo comune – conclude il Presidente della Commissione Sanità – è quello di assicurare soluzioni condivise che siano rispettose delle esigenze dei pazienti e delle nostre comunità”.