Air-Cantù: i precedenti. Grandi ex nella sfida di domenica

0
10

Ancora tanti tabù da infrangere per Boniciolli e i suoi nella gara di domenica. Cantù arriva in Irpinia con un palmares e un vantaggio negli scontri diretti invidiabile, ma la gara d’andata, stradominata dai biancoverdi, dimostra che, almeno quest’anno, le potenze si sono invertite.
I Precedenti:
La bilancia tende tutta a favore di Cantù negli scontri tra le due compagini. Irpini vincitori solo tre volte, con gli ospiti di domenica autori di 12 successi, 6 casalinghi e 6 in trasferta. Cantù non perde ad Avellino addirittura da cinque partite e, storicamente, ha perso solamente una volta. Nei confronti diretti Cantù ha segnato in media 82 punti ad incontro a fronte dei 76,5 subiti. Il massimo punteggio fatto registrare dalla formazione brianzola è di 104 punti e risale a due stagioni fa. Per Avellino è invece di 94 fatto registrare in due occasioni, l’ultima proprio nella gara d’andata di questa stagione. Per ciò che riguarda i minimi storici, Cantù ha segnato 68 punti nella gara d’andata di quest’anno mentre Avellino 49, lo scorso anno. Si giunge così ai massimi scarti. Cantù vanta un +34 (83-49) ottenuto al Pianella il 25 aprile 2007, mentre Avellino +66 (68-94) nell’ormai famosa gara di andata dello scorso ottobre.
Gli Ex:
Non si tratta dei ‘soliti’ uomini di passaggio: questa volta a vestire i panni dell’ex di turno toccherà due giocatori e un allenatore che rappresentano e hanno rappresentato il ‘top’ per le rispettive compagini. Il primo è senza dubbio Eric Williams, protagonista indiscusso della stagione biancoverde e miglior centro del campionato. La scorsa stagione “Big E” giocò con la maglia canturina e chiuse con 37 presenze e 368 punti segnati (9,9 di media) con l’aggiunta di 5,7 rimbalzi ad incontro nei 19’ di media nei quali veniva utilizzato. Attualmente Eric, migliorato sensibilmente, viaggia con 12,3 punti e 7 rimbalzi in 28’. Si prosegue con Hervé Toure il quale ha invece giocato ad Avellino la sua prima stagione italiana. Era il 2005-2006 ed il francese giocò 26 partite con 5,9 punti di media e 4,9 rimbalzi in 16’ di utilizzo medio. Oggi Toure viaggia invece a 10,2 punti e 5,1 rimbalzi in 23’. Si conclude poi con Luca Dalmonte il quale è stato infatti per tre anni il coach di Avellino, esattamente dal 1999 al 2002. Artefice della storica promozione degli irpini al termine della stagione 1999-2000 quando i biancoverdi centrarono la promozione nella massima serie dopo 24 vittorie in 39 partite. Le due stagioni successive Dalmonte le ha invece disputate in Serie A. Per lui tre anni nei quali ha totalizzato 109 panchine con 52 vittorie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here