Air: Boniciolli e la forza del gruppo. Problemi di visto per Curry

0
10

Tifosi, curiosi e appassionati hanno accolto entusiasti la Scandone ed i suoi giocatori ai primi allenamenti al palazzetto dello sport. Il gruppo non è al completo. Rosetti, fuori per un problema muscolare da curare al più presto, è ritornato a casa dove cercherà di riprendersi al meglio per essere pronto quando conterà. Il suo rientro è previsto per la metà di settembre. I più in forma durante questi primi giorni, dove il caldo asfissiante la fa ancora da padrone, sono il sempre vispo Ferrara e Fabio Zanelli. Quest’ultimo è quello che si è presentato nelle migliori condizioni, dimostrando di poter essere una pedina molto utile. La guardia emiliana sarà per Boniciolli un vero e proprio jolly da sfruttare nel modo migliore. Chi invece ha bisogno di allenarsi per mettersi in forma è l’americano di passaporto francese Danny Strong. Fisico statuario e mano vellutata per l’ex giocatore del Fuenlabrada. Il suo tiro mancino dall’arco sta spesso e volentieri bruciando la retina del Pala Del Mauro. Meno mobili, si spera lo saranno in futuro, Maioli e Bryan. Nella giornata di ieri sono arrivati in Irpinia anche i primi due americani: Darby e Capel. Per loro ci saranno le visite mediche da effettuare e poi si aggregheranno ai compagni. Nei prossimi giorni dovrebbe arrivare anche il pivottone Harold Jamison, che sicuramente troverà l’affetto dei tifosi che lo aspettano a braccia aperte. Problemi per l’arrivo della guardia americana Curry. Il giocatore, che nei piani dello staff tecnico dovrebbe rappresentare il faro della squadra, ha avuto dei problemi con il visto. Sembrerebbe impossibile vederlo all’opera questa settimana. Il suo arrivo è quindi posticipato, quasi certamente lo vedremo tra una decina di giorni. La sua assenza non sarà certo un problema. Coach Boniciolli sta facendo sudare i suoi. Tanti esercizi di tecnica individuale per gli esterni e per i pivot e soprattutto tanti esercizi per allenare la difesa. Il coach vuole subito inculcare la mentalità giusta ai suoi giocatori. Ad allenarsi ci sono anche Pippo Frascolla, eroe dei tempi che furono e Larry Middleton. Non è da escludere che quest’ultimo, diventato papà da qualche mese, possa essere messo sotto contratto dalla Scandone, sempre che le richieste del giocatore italo–americano non siano troppo esose. L’innesto di un giocatore come Middleton potrebbe essere importante per allungare la panchina, per aggiungere un pezzo di storia della pallacanestro biancoverde. Il lavoro della guardia italiana sarebbe molto meno importante rispetto a quello di qualche anno fa. Intanto Boniciolli, che spera di trovare la forza di questa squadra nel gruppo, ha cercato di mettere su qualche principio. In particolare ha ribadito ai suoi atleti l’importanza di giocare negli spazi giusti. Gli schemi che vedremo sviluppare dalla Scandone 2006/2007 saranno per lo più giochi basati sulle letture che dovranno. Già in questi primi giorni di preparazione abbiamo avuto un assaggio. Nella pallacanestro del coach triestino ci sono molti principi di pallacanestro slava. Non poteva essere diversamente dal momento che Boscia Tanjevic è il maestro dell’attuale coach della Scandone. La Scandone dovrà costruire le sue vittorie lavorando e sudando giorno per giorno in palestra, il coach lo sa, i suoi giocatori lo stanno imparando. I tifosi sembrano aver ritrovato l’entusiasmo e sognano di poter vedere una Scandone vincente che dia loro tante soddisfazione in questa stagione che potrebbe rappresentare una vera e propria svolta per il basket di casa nostra. (Giovanni La Rosa)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here