Air: a Treviso la Scandone cola a picco

0
2

Nulla da fare per Avellino che esce sconfitta 92-70 al Pala Verde. Difficile commentare una sconfitta di questo tipo. Era difficile compiere l’impresa, ma si sperava almeno in una prestazione molto più dignitosa dopo i miglioramenti fatti nelle scorse settimane. La difesa irpina è stata imbarazzante. Unica nota positiva, la conferma di Curry. Il primo tempo è stato tutto di marca trevigiana. Prologo di una serata storta
LA CRONACA: Blatt ha a disposizione l’intero resto e decide di partire in quintetto con: Zizis, Smith, Lyday, Goree, Beard. Boniciolli risponde con: Pecile, Curry, Strong, Bryan, Jamison. Nella prima frazione di gioco Avellino parte bene con il solito Jamison che apre la danze e Curry che mette dentro subito una tripla. Ma davanti c’è la Benetton campionae d’Italia guidata dal greco Zizis e da Lyday che porta i biancoverdi della Marca sul più 8. Strong con una tripla riduce le distanza. Treviso sembra però avere una marcia in più. Al 6’ minuto ci sono i primi due punti per Victor, che porta Avellino sul meno 5 (17-12). Spencer con un canestro da sotto regala il massimo vantaggio del primo quarto, più 9, alla Benetton. La squadra di Boniciolli sembra avere difficoltà a frenare l’attacco avversario e subisce sotto le plance. Dalla panchina veneta si alza anche Gigli, che assieme a Goree mette in difficoltà il reparto lunghi avellinese. I lupi irpini sembrano in difficoltà e chiudono il primo quarto sotto di 11 (32-11). Alla ripresa delle ostilità Curry prova a scuotere i suoi mettendo a segno un canestro da due punti, al quale però risponde Marco Mordente. La squadra di David Blatt sembra davvero l’unica formazione in campo. Avellino ha soggezione della squadra del presidente Benetton. Due liberi portano Zizis e compagni a più 15 (38-23). Zanelli e Curry con un parziale di 4-0 provano a rimettere la Scandone sulla retta via, ma una bomba di Lyday spegne gli entusiasmi della rimonta. In campo scendono anche Maioli e Bryan ma la musica non cambia. La marcia di Mordente e compagni è schiacciante, Avellino soccombe. Curry continua a fare canestro da fuori, ma a nulla serve se la difesa fa acqua da tutte le parti. A 1’15’’ da giocare Treviso vola sul più 19 (51-32). Nel secondo tempo la musica non cambia. Zizis porta la Benetton sul più 21, mentre Beard e compagni continuano a dominare sotto le plance. Nel terzo quarto la valutazione della squadra veneta è di 74 quella avellinese è di 26. Questo dato basta per spiegare la sconfitta. Al 25’siamo 64-34 per la squadra di Blatt. Il terzo periodo termina con il punteggio di 72-43. La partita è più che finita. L’ultimo quarto è pieno garbage-time. Con il canestro del 16enne Rullo, Treviso raggiunge il più 31 (78-47). Alla fine c’è spazio anche per Cuccarolo ed i più giovani. Treviso domina, Avellino affonda.

Benetton Treviso: Lyday 9, Smith 14, Zizis 12, Cuccarolo 3, Martinoni, Gorge 5, Mordente 12, Rullo,Gigli 8, Nelson 10, Goree 8, Beard 6
All. David Blatt

Air Scandone Avellino: Victor 7, Jamison 13, Curry 28, Strong 7, Zanelli 2, Pecile 6, Rossetti, Maioli, Frascolla, Bryan 4, Cerullo, Lisicky 3
All. Matteo Boniciolli

Arbitri: Tola-Borroni-Gori

Parziali: 32-21; 51-32; 72-43; 92-70

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here