Acli: “Solidarietà ai lavoratori Inps, ma protesta è insostenibile”

11 Ottobre 2013

“Lo stato di agitazione attuato già da qualche settimana dal personale INPS/INPDAP comincia ad assumere i connotati della insostenibilità”.
Così il direttore provinciale Acli Armando Leo che prosegue: “La pretesa, probabilmente giusta, ha ricadute negative su tutti i lavoratori, pensionati e cittadini che frattanto vedono disattesi e lesi i propri diritti, con ritardi assurdi nel riconoscimento ed erogazione di prestazioni.
La solidarietà che lo scrivente Ente ha comunque nei confronti di lavoratori, quali sono quelli dell’Istituto, non può avere prevalenza rispetto alle “vitali” esigenze di lavoratori e pensionati che sono già costretti a condizioni di forte disagio dovute a spese essenziali sempre crescenti e livelli occupazionali prossimi ai minimi storici. Il Patronato ACLI è a disposizione di tutti coloro volessero tutelarsi, in questa fase di dura “transizione”, anche se del caso attivando clamorose azioni legali e di rivalsa”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.