VIDEO / Zurzolo, il “bastardo di Pizzofalcone” è pronto ad incantare il Partenio: “La mia musica per le meraviglie dell’Irpinia”

22 Luglio 2020

Alfredo Picariello – Un concerto all’alba, alle 6 del mattino. Questo, di per sé, è già un fatto innovativo e piuttosto unico in provincia di Avellino. Ma anche la location fa il suo effetto. Dal castello medioevale di Sant’Angelo all’Esca, infatti, è possibile ammirare tutta la valle che circonda questo pezzo di territorio irpino. Il maniero, edificato nell’XI secolo presso la Chiesa di S. Michele Arcangelo, sorge alle pendici del monte Vallatrone, sulle alte e verdi colline del versante nord-occidentale del Partenio. L’habitat è caratterizzato da distese di vigneti, olivi e alberi di castagne e nocciole. Un vero e proprio “tuffo” nel verde, una carica di natura e di aria pulita per iniziare nel migliore dei modi la giornata di domenica 26 luglio.

I suoni dal Partenio si alzeranno forte. Le note jazz di Marco Zurzolo al sassofono, Claudio Romano alla batteria, Francesco Nastro al pianoforte e Gigi De Rienzo alla batteria, sono e saranno una garanzia. “E’ un’inziativa bellissima”, dice Zurzolo, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione dell’evento in video-conferenza.

Zurzolo, lo ricordiamo, si occupa da oltre dieci anni di progetti musicali basati sulla contaminazione artistico-musicale. Ha collaborato con molti artisti italiani ed internazionali, fra cui Van Morrison, Don Moye and Art Ensemble of Chicago, Mike Minieri, Enrico Pierannunzi, Marc Johnson. Ha inoltre composto numerose colonne sonore per il cinema, il teatro e la televisione, il suo ultimo lavoro è stato la composizione delle musiche per la fiction Rai “ I bastardi di Pizzofalcone” e il film Rai “ In punta di piedi”. Per le sue composizioni ha vinto prestigiosi premi, fra cui “Il premio qualità” del Ministero della Cultura.

“Veniamo fuori da un periodo molto difficile – afferma – con il lockdown che ci ha chiuso in casa per circa tre mesi. La musica fa fatica a ricominciare. Il concerto di Sant’Angelo a Scala non solo potrà dare risalto ad un territorio meraviglioso come quello irpino, ma dà anche la possibilità di lanciare un messaggio positivo per l’arte”. “Domenica prossima, oltre a suonare, vorrei accompagnare lo spettatore nelle meraviglie della nostra Campania.

La prima meraviglia è pronta e si chiama Sant’Angelo a Scala. “Non sono io a doverlo dire – dice il sindaco Carmine De Fazio – ma le nostre zone sono davvero uniche, belle, suggestive. Domenica sarà uno spettacolo della natura e non solo”.