VIDEO/ Teatro Gesualdo, Cipriano rilancia: “Noi non arretriamo. Siamo fuori dai teatrini di certa politica”

21 Dicembre 2015

Il Teatro comunale di Avellino, con il suo ormai consueto cartellone “Gesualdo/Danza”, propone al pubblico avellinese tre performance di grande richiamo con l’étoile internazionale Giuseppe Picone e Alessio Rezza del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma, José Perez e Claudia Vecchi del Balletto di Roma, Rossella Brescia e Vanessa Gravina volti noti della danza e della televisione italiana.

Il presidente Luca Cipriano, dopo aver presentato il cartellone, torna sullo scorso weekend in cui è andato in scena al Gesualdo lo spettacolo “Slurp” di Marco Travaglio:

“Marco Travaglio è stato un bel cazzotto nello stomaco dal punto di vista artistico – dichiara Cipriano – con la sua critica feroce e bipartisan. Travaglio già è stato da noi due anni fa e la risposta del pubblico fu ottima. Lo spettacolo è durato quasi 3 ore con una carrellata di personaggi politici: Travaglio piace al pubblico e, inaugurando questa stagione di Teatro Civile, ci ha consentito di allargare a persone che sono giunte qui da tutte le province campane. Lo stesso Travaglio ha dichiarato con una battuta (leggi qui l’intervista a Marco Travaglio) che sono giunti ad Avellino molti spettatori da Salerno, una città in cui lui non può mettere piede per la difficoltà nei rapporti con il Governatore De Luca, una vicenda in cui non entriamo ma che ci permette di sottolineare come Avellino sia un catalizzatore di pubblico anche da altre province.

Il bilancio del 2015 per Luca Cipriano è nettamente positivo:

Il 2015 è stato un anno difficile ma entusiasmante. Difficile perché ci sono alcuni elementi che non ci hanno garantito di lavorare con serenità, anche la crisi politica ed istituzionale che si riverbera sull’Amministrazione comunale rallenta e complica realtà che funzionano invece di sostenerle e tutelarle. Entusiasmante perché non ci siamo fermati, con i nostri partner abbiamo portato più spettacoli e più progetti, abbiamo messo in scena i nostri laboratori ed abbiamo aperto alla formazione. Siamo andati avanti ed andremo avanti anche nel 2016: sono stati anni complessi ma ricchi di sfide. “

Noi non arretriamo – conclude Cipriano – sarebbe la morte di ciò che funziona bene, il Gesualdo ha una sua autorevolezza e continueremo su questa strada fin a quando ci saremo tirandoci fuori da questi teatrini che attualmente la politica ci regala.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.