VIDEO/ “Stiamo lavorando”. Il capo della Procura di Napoli e i vertici dell’Antimafia ad Avellino dopo i raid intimidatori

0
15

Renato Spiniello – “Stiamo lavorando”: così il numero uno della Procura di Napoli Giovanni Melillo al termine del vertice che si è tenuto negli uffici di Piazza D’Armi alla presenza dei magistrati dell’antimafia Henry John WoodcoockLuigi Frunzio e Simona Rossi, del Procuratore capo di Avellino Rosario Cantelmo e dell’aggiunto Vincenzo D’Onofrio. Si è discusso dell’allarme criminalità, dopo i raid intimidatori avvenuti in città nell’ultimo periodo.

Un vertice che testimonia l’attenzione alta nei confronti della possibile presenza della camorra nel capoluogo irpino ed evitare la riorganizzazione di gruppi locali o contrastare l’avanzata di gruppi criminali esterni che vogliono mettere le mani sulla città. Per questi motivi sono arrivati ad Avellino anche i reparti speciali del C.I.O. del 10° Reggimento Carabinieri Campania di Napoli che supporteranno l’Arma provinciale.

Obiettivo degli inquirenti è stroncare al più presto quest’offensiva criminale e delineare le future strategie investigative da portare avanti.