VIDEO/ Cantone ad Avellino: “Contrario allo stop alla prescrizione. In Irpinia problemi nella PA”

0
9

Pasquale Manganiello – Stamane presso l’Auditorium Bper Banca presso la Collina Liguorini di Avellino si è tenuto il convegno dal titolo “Corruzione: io la riconosco e la combatto” che ha visto come ospite d’eccezione Raffaele Cantone, numero uno dell’Anac. Al tavolo Massimo Iapicca, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Avellino, Severino Loiaco Dirigente Scolastico dell’Istituto Guido Dorso, Sabino Basso, presidente Confindustria Avellino, Francesco Iandolo, Responsabile dell’Associazione Libera .

Presenti in platea il sindaco di Avellino Paolo Foti, il presidente della Provincia, Domenico Gambacorta, il numero uno di Alto Calore Lello De Stefano, il deputato Pd Luigi Famiglietti, Silvio Sarno, Beniamino Palmieri, il vice prefetto Armando Amabile, i sindacati irpini ed una folta rappresentanza delle Forze dell’Ordine.

Il Convegno costituisce la manifestazione conclusiva di un progetto ampio ed articolato, nato per iniziativa dei Giovani Imprenditori di Avellino, in collaborazione con l’Istituto Tecnico “Guido Dorso” e con l’Associazione Libera, d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, per sensibilizzare i giovani sul problema della corruzione, affrontando i vari aspetti e le diverse forme di questo fenomeno.

“Il tema del contrasto alla corruzione – ha dichiarato il presidente Cantone – non riguarda solo gli adulti ma impatta sul futuro dei più giovani. Un sistema fatto dalla corruzione danneggia i ragazzi. Intervenire sulla burocrazia e lavorare per una dirigenza pubblica di qualità sono punti necessari insieme ad una maggiore attività nella trasparenza della pubblica amministrazione.”

Cantone si dice contrario allo stop alla prescrizione e considera il daspo ai corrotti una normativa non materia di decreto legge:

“Non sono materie da decreto legge – ha affermato – io sono contrario all’idea dello stop alla prescrizione che è un istituto di garanzia per i cittadini che andrebbe lievemente adeguata.  Vanno assolutamente fatti i processi in tempi ragionevoli. I tempi lunghi dei processi molto spesso sono a vantaggio dei colpevoli, i quali continuano a lavorare nella P.A. o continuano a partecipare agli appalti pubblici”.

Cantone ha evidenziato come “l’Irpinia sia un contesto con tasso minore di criminalità rispetto a Napoli” e che ” rappresenta un contesto sociale senza enormi infiltrazioni comunali ma con problemi nella Pubblica Amministrazione.”

Da qui l’invito al Procuratore Cantelmo a continuare nel suo percorso di legalità ed un accenno alla possibilità che l’Anac si occupi del controllo della bonifica dell’Isochimica:

“Quando il sindaco me lo chiederà verificheremo, esistono strumenti anche utilizzati in altri Comuni.  Se ci saranno le condizioni lo faremo”- ha concluso.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here