VIDEO / “Ho visto Maradona… da molto vicino”. The King, i ricordi di Biazzo: “Diego amava Avellino”

26 Novembre 2020

Alfredo Picariello – I post su facebook, i commenti, i video, valgono più di mille parole. Da ieri i social degli irpini sono pieni, zeppi, di elogi, foto-ricordo, immagini del più grande calciatore di tutti i tempi, Diego Armando Maradona, morto per una crisi cardio-respiratoria. Tutti a piangere il pibe de oro. Anche Avellino e l’Irpinia lo hanno amato. Chi più da vicino, ammettendo già a quei tempi, gli anni ’80, l’amore e la stima per il calciatore argentino, nonostante la rivalità tra i lupi ed il Napoli. Chi, successivamente. Ma tutti, indiscutibilmente, hanno apprezzato, sin da subito, le sue doti immense, il suo genio nel calcio e, spesso, anche fuori.

Ieri sera anche lo stadio Partenio-Lombardi si è illuminato per 90 minuti, il tempo di una partita, di un match, come quelle tante gare che Maradona ha disputato su quel manto erboso, quando l’allora “Partenio” faceva registrare sugli spalti circa 50mila spettatori.

Testimone diretto delle gesta di Diego Armando Maradona, è stato un giornalista Rai avellinese doc, il quale ha intervistato il numero 10 del Napoli e dell’Argentina svariate volte, collezionando nei suoi ricordi anche uno scoop internazionale sempre relativo a “The King”.

Diego Maradona intervistato da Salvatore Biazzo

Salvatore Biazzo è ovviamente scosso dalla notizia che ieri ha fatto il giro di tutto il mondo. E da ieri, il suo telefonino squilla in continuazione. Richieste di interviste, di ricordi, o di contatti. Lui è una preziosa agenda telefonica umana.

“E’ stato il più grande protagonista in assoluto del calcio”, afferma Biazzo. “Ma devo dire che un po’ me l’aspettavo. Dalle ultime immagini, ho visto nel suo sguardo che conoscevo molto bene, non più quell’intensità di sempre, ma una strana rassegnazione”.

Biazzo e Maradona sono legati dalle prime volte. Il primo ritiro in Italia con la maglia del Napoli di Diego, corrisponde ad una delle prime interviste radiofoniche del giornalista Rai. “Ma il ricordo a me più caro di Maradona non è legato ai campi di calcio, ma ad una sera a Milano quando per caso ci incontrammo in un albergo”. “Sei qui per intervistarmi, mi chiese. Appena gli risposi di no, mi abbracciò. Fu un grande abbraccio, molto emozionante”.

Salvatore Biazzo

Maradona, prima di passare al Napoli con il quale ha vinto due scudetti, la coppa Italia, una coppa Uefa e la supercoppa italiana, stava per essere acquistato dall’Avellino. “Pierpaolo Marino voleva portarlo in Irpinia, ma non c’erano i soldi. Ma all’Avellino Maradona è rimasto molto legato, si sentiva vicino ai colori biancoverdi e nutriva un grande rispetto per la squadra irpina, ricca, allora, di grandi campioni”.